venerdì, Luglio 19, 2024
HomeArticlesL'elefante nella stanza: significato e origine rivelati

L’elefante nella stanza: significato e origine rivelati

Al giorno d’oggi, c’è un modo di dire per quasi tutto, e “l’elefante nella stanza” è uno dei tanti, con un retroscena interessante. Sebbene il detto venga spesso attribuito al poeta Ivan Andreevich Krylov (1769-1844), il suo riferimento originale non intendeva trasmettere il significato che ha oggi.

“L’elefante nella stanza” è semplicemente un eufemismo per un problema o una circostanza molto ovvia, ma completamente ignorata da tutti. È qualcosa di così grande che non può essere trascurato, tuttavia, tutti sembrano ignorarlo comunque.

Andeevich Krylov è l’originatore del termine, sebbene vi sia una certa confusione storica al riguardo. La maggior parte delle persone accetta che Krylov abbia coniato il termine dalla sua favola russa, L’uomo curioso, ma il suo significato nel contesto odierno è emerso molto più tardi.

Origine dell’elefante nella stanza

La suddetta favola, L’uomo curioso, è stato pubblicato nel 1814. È una favola russa che racconta la storia di un uomo che fa visita al museo. L’uomo in visita osserva e ispeziona diligentemente una serie di meraviglie, per lo più cose minuscole e intricate all’interno del museo

Per tutta la durata della sua visita, tuttavia, c’è un elefante vivo, molto grande, in piedi nella stanza con lui, mentre svolazza da una mostra all’altra, meravigliandosi di piccoli pezzi. Per tutto il tempo, l’uomo ignora l’elefante. Lo ignora completamente come se non ci fosse un’enorme bestia pesante in piedi nella stanza con lui.

Ora, ovviamente, la favola è un’allegoria per ignorare un problema. Se Krylov abbia usato l’elefante come eufemismo per un problema decisamente enorme o se abbia usato l’animale per rappresentare qualcosa di ovvio, sta all’interpretazione. La storia dell’“elefante nella stanza” non finisce qui.

Fyodor Mikhailovich Dostoevskij era un giornalista, romanziere e scrittore di racconti russi che visse in Russia durante la seconda metà del XIX secolo. Una delle sue opere più prolifiche e fondamentali è stata “Demoni”, un romanzo pubblicato nel Messaggero russo nel 1871.

Il romanzo, noto anche come I posseduti, è un capolavoro satirico che si concentra sugli eventi sociali e politici dell’epoca. Che tu abbia sentito parlare del romanzo o meno, il punto è che Dostoevskij ha menzionato “l’elefante nella stanza” quando ha descritto il suo protagonista, Belinsky.

Secondo Dostoevskij, “Belinsky era proprio come l’uomo curioso di Krylov, che non ha notato l’elefante nel museo.” Questa è stata la prima elaborazione conosciuta sull’opera fondamentale di Ivan Andreevich Krylov ed è stata parzialmente responsabile del mantenimento dell’eufemismo (insieme al significato sottostante) e dell’estensione alla generazione successiva.

L’elefante nella stanza nei tempi moderni

The Elephant in the Room ha davvero guadagnato la posizione di cui gode oggi nel 1959, per gentile concessione di un giornalista del New York Times ancora non menzionato che presumibilmente ha scritto, “Finanziare le scuole è diventato un problema quasi uguale ad avere un elefante in salotto. È così grande che non puoi ignorarlo.

Da quel momento in poi, le persone hanno mantenuto il detto “elefante nella stanza”, che Krylov scrisse originariamente 209 anni fa e che mantiene ancora il suo mantra 64 anni dopo. L’Oxford English Dictionary attribuisce la parte del leone del merito all’editoriale del New York Times, sebbene appartenga giustamente a Krylov.

Quando è appropriato il detto?

L’uso accurato del detto di solito si riduce a dove ti trovi e a ciò che tutti ignorano al momento. In alcune situazioni, l’elefante nella stanza si applica a una persona e, spesso, il detto ruota attorno a semplici pettegolezzi.

Ad esempio, Joe arriva alla festa e non si è accorto che anche Sue, la sua ex moglie, è alla festa. Con il passare della serata, Sue e Joe fanno di tutto per ignorarsi a vicenda. La maggior parte delle persone alla festa sono ben consapevoli dei dettagli del divorzio di Sue e Joe, e tutti ignorano l’argomento per rispetto nei confronti di Sue e Joe.

L’esempio sopra è un caso in cui ci sono più elefanti nella stanza, a seconda di chi è ogni persona in relazione a Joe e Sue. Gli amici di Sue considererebbero in gran parte Joe l’elefante nella stanza, mentre gli amici di Joe presumerebbero l’esatto contrario.

D’altra parte, anche l’argomento della rottura di Joe e Sue è un elefante nella stanza. La presenza di Sue e Joe crea questo elefante. Se si presentassero solo Sue o solo Joe, l’argomento del loro divorzio probabilmente non sarebbe qualcosa che sorgerebbe. Oppure, se si presentasse solo uno, l’argomento del divorzio potrebbe guadagnare più trazione, poiché le persone ne parlano con Joe o Sue.

In quest’ultimo caso, viene indirizzato l’elefante nella stanza, quindi non è più l’elefante.

Tutte le cose considerate

L’elefante nella stanza che dice è, di per sé, un oggetto storico, non fisico. Esiste, in una variante o nell’altra, da oltre due secoli, diventando il detto che riconosciamo oggi nel 1959. Come molti detti moderni, è classico, e la maggior parte non se ne rende nemmeno conto.

Gli eufemismi hanno molto da insegnarci, sia che si tratti del significato del detto specifico o della sua storia storica. Se ti piace una bella storia, ne troverai una dietro a quasi tutti i detti moderni che ti vengono in mente. L’elefante nella stanza è un vecchio ma un tesoro e, come la maggior parte dei detti, ha poco a che fare con l’animale stesso.

RELATED ARTICLES

Più Popolare