martedì, Aprile 23, 2024
HomeNewsIncontra i 10 più grandi proprietari terrieri delle Hawaii

Incontra i 10 più grandi proprietari terrieri delle Hawaii

Chi non sogna di possedere proprietà nelle splendide Hawaii? Immagina una vasta superficie di dolci colline boscose lungo spiagge di sabbia bianca e acque scintillanti. Lo Stato delle Hawaii ha circa quattro milioni di acri di terra. Ma di quei milioni di acri, solo una manciata di persone, corporazioni ed enti governativi possiede la stragrande maggioranza. E per le persone normali che cercano di acquistare proprietà nello stato, le loro opzioni sono molto limitate. E può essere difficile da finanziare. Diamo un’occhiata ai 10 più grandi proprietari terrieri delle Hawaii e cosa fanno con tutta la loro superficie.

Isola di Ni'ihau, Hawaii
L’isola di Niihau è quasi impossibile da visitare ed è ora chiamata “l’isola proibita”.

©iStock.com/Marcin_P_Jank

1. Lo Stato delle Hawaii – 1,6 milioni di acri

Probabilmente non sorprende che il più grande proprietario terriero delle Hawaii sia lo Stato delle Hawaii, che possiede terreni su ogni isola. Per fortuna, la maggior parte della terra è pubblica e migliora la vita dei residenti hawaiani. Quasi 200.000 acri sono destinati all’Hawaiian Department of Hawaiian Homelands, che è un programma di homesteading per i nativi.

2. Il governo federale degli Stati Uniti – 531.000 acri

Il governo federale ha acquisito la maggior parte della sua terra quando ha rovesciato la monarchia hawaiana e alla fine ha sciolto il Regno delle Hawaii. Mentre originariamente prendeva la terra della Corona e del governo, alla fine la restituì allo stato. Il restante terreno di sua proprietà è destinato a stazioni militari e parchi nazionali.

3. Scuole Kamehameha – 362.000 acri

Bernice Bishop, erede e membro della famiglia reale hawaiana, ha affidato una notevole quantità di terreno a un fondo fiduciario, che ha designato per la costruzione delle scuole Kamehameha. Le scuole offrono programmi educativi e opportunità di borse di studio per persone di origine hawaiana. A parte i tre campus principali, la maggior parte del terreno è destinato alla conservazione e all’agricoltura.

4. Parker Ranch – 130.000 acri

La famiglia Parker ha stretto una relazione con il re Kamehameha I all’inizio del 1800 e ha dato loro il permesso di vendere bestiame selvatico che vagava per le isole hawaiane. Generazioni della famiglia Parker hanno continuato ad acquisire terreni nel corso dei decenni, dove hanno allevato bovini e cavalli e portato cowboy chiamati paniolo. Un trust ora possiede il ranch e continua a servire e costruire relazioni con il popolo hawaiano.

Il governo federale possiede diversi parchi nazionali.

©iStock.com/sphraner

5. Famiglia Robinson – 101.000 acri

Anche la famiglia Robinson trovò il favore dei reali e poté acquistare gran parte di Kauai e quasi tutta Niihau. Tuttavia, durante le trattative per l’acquisto, il re fece promettere ai Robinson di proteggere l’isola ei suoi abitanti dagli estranei. Fino ad oggi, i discendenti della famiglia Robinson hanno mantenuto la loro parte dell’accordo. L’isola di Niihau è quasi impossibile da visitare. Ora è chiamata “l’isola proibita”.

6. Larry Ellison – 89.000 acri

Larry Ellison, presidente e co-fondatore di Oracle, possiede quasi 90.000 acri di terra alle Hawaii. Possiede infatti il ​​98% dell’isola di Lanai, che ospita 3.000 residenti. Ellison utilizza la sua terra principalmente per la conservazione, la ricerca sull’energia alternativa, un resort e ristoranti.

7. Alexander e Baldwin – 87.000 acri

Alexander and Baldwin è una società immobiliare commerciale multimilionaria con sede alle Hawaii. L’hanno fondata due giovani uomini con una visione e un puro trambusto. Hanno iniziato con 12 acri, dove coltivavano la canna da zucchero. E da lì sono diventati agenti di piantagioni e hanno comprato una grande compagnia di zucchero. In qualità di uno dei più grandi proprietari terrieri privati ​​dello stato, l’azienda opera nel settore immobiliare, delle costruzioni e delle operazioni fondiarie.

O'heo Gulch
Lo Stato delle Hawaii e il governo federale possiedono la maggior parte del territorio delle Hawaii.

©Tracy Immordino/Shutterstock.com

8. Molokai Ranch – 54.000 acri

Alla fine del 1800, un gruppo di uomini d’affari acquistò una grande quantità di terreno sul lato occidentale di Molokai, dove allevavano bovini e bestiame. Mentre originariamente possedevano circa 70.000 acri, il ranch ora è composto da 54.000. Questo allevamento di bestiame funzionante è stato una parte importante dell’economia basata sull’agricoltura dell’isola.

9. Enti governativi locali (contea) – 38.000 acri

I governi delle contee locali possiedono migliaia di acri nei rispettivi confini. Attraverso la legge dell’esproprio, il governo ha il diritto di sequestrare la proprietà privata per uso pubblico. I governi locali utilizzano principalmente questa terra per parchi, infrastrutture, strutture ricreative e spazi per servizi, come polizia e vigili del fuoco.

10. Stephen Case – 31.000 acri

Nel 2000, Stephen Case, il co-fondatore di AOL, ha acquistato Grove Farms e i suoi oltre 30.000 acri. Grove Farms si trova a Kauai ed è stata acquisita nel 1850 durante il Great Mahele. Il terreno è stato trasferito più volte. Alla fine, la famiglia Wilcox lo acquistò e acquistò piantagioni vicine, dove continuarono le operazioni di canna da zucchero e allevarono bestiame. Grove Farms ha ancora in essere alcune attività agricole, ma sviluppa anche terreni per uso residenziale e commerciale.

RELATED ARTICLES

Più Popolare