martedì, Aprile 23, 2024
HomePlantsErbacce che sembrano bambù

Erbacce che sembrano bambù

Continua a leggere per vedere questo fantastico video

Se stai pensando di utilizzare il bambù nel tuo paesaggio, sei un ambientalista o sei solo interessato a identificare la tua flora locale, imparare a distinguere tra le specie di bambù e le loro sosia può essere utile. Se hai camminato nel tuo quartiere e hai visto bambù o piante simili al bambù nel cortile del tuo vicino o sul ciglio della strada, potresti chiederti se puoi coltivarle a casa. Forse hai visto una pianta simile al bambù fiorire vicino a uno stagno e ti stai chiedendo cosa sia. O forse sei interessato a sapere se le piante che assomigliano al bambù hanno condizioni di crescita simili.

Indipendentemente dalla fonte del tuo interesse, se desideri essere in grado di distinguere il bambù dai suoi sosia, allora questo è un ottimo punto di partenza. In questo articolo parleremo un po’ delle caratteristiche morfologiche della maggior parte dei bambù e forniremo tre esempi di piante ampiamente distribuite che spesso vengono scambiate per bambù.

Che aspetto ha il bambù?

Le piante di bambù sono erbe perenni, giganti meglio identificate da due parti principali: il culmo e il rizoma.

Un culmo di bambù è una struttura alta, legnosa, simile a una canna che comprende giunture spesse simili a nocche chiamate nodi e gli spazi tra ogni nodo, chiamati internodi. I nodi della pianta sono solidi fino in fondo e sono dove la pianta produce rami e foglie, di solito in modo alternato lungo la lunghezza del culmo. Diverse specie di bambù possono avere nodi più o meno pronunciati, ma li hanno tutti. Gli internodi del culmo possono essere solidi in alcune specie, ma sono spesso cavi e hanno pareti esterne solide di spessore variabile.

Sebbene possano sembrare radici, i rizomi sono steli orizzontali che immagazzinano sostanze nutritive e producono nuova crescita. I rizomi di bambù comprendono anche nodi e internodi e assomigliano ai loro culmi fuori terra. Tuttavia, i nodi sul rizoma possono produrre radici o nuovi culmi.

Come cresce il bambù?

Le piante di bambù usano i loro rizomi per espandersi verso l’esterno dal loro sito di piantagione alla ricerca di acqua e sostanze nutritive, inviando nuovi culmi ovunque vadano. Le specie di bambù si diffondono attraverso i loro rizomi a velocità diverse e crescono in dimensioni diverse. Sebbene esistano variazioni tra le specie, nella maggior parte dei casi ci sono due abitudini di crescita generali che la maggior parte dei rizomi tende a esibire: crescita di tipo agglomerato e tipo di corsa.

I bambù di tipo running producono quelli che vengono chiamati “leptomorfi” o rizomi sottili. Queste specie di bambù sono piuttosto prolifiche e possono diffondersi rapidamente nel sottosuolo, spesso sollevando culmi in modo sporadico e imprevedibile. Quando esamini la base di un culmo di bambù in esecuzione, noterai che la parte inferiore del culmo si attacca al rizoma in uno dei suoi nodi.

Il bambù di tipo grumoso è descritto come “pachimorfo” o spesso. Crescono molto più lentamente dei tipi che corrono e producono la loro crescita in modo più controllato e più denso. Piuttosto che dare la priorità all’espansione verso l’esterno, creando molti nodi da cui emergono nuovi culmi, i rizomi di tipo agglomerato si girano verso l’alto per diventare culmi dopo essersi diffusi per una breve distanza. Quindi iniziano a produrre un’ulteriore crescita rizomatosa sotto il suolo.

3 piante che assomigliano al bambù

È importante notare che le caratteristiche di cui sopra non sono le uniche che possono essere utilizzate per differenziare il bambù dai suoi sosia. Le caratteristiche dei fiori, la forma delle foglie e la consistenza sono essenziali per gli indicatori delle specie vegetali. Ad esempio, mentre alcune specie di bambù fioriscono ogni anno, molte producono fiori solo una volta ogni diversi decenni. Alcuni hanno cicli di fiori lunghi fino a 150 anni.

Oltre a esaminare parti della pianta, può essere utile prestare attenzione alle condizioni di crescita dell’esemplare in questione. Ad esempio, il bambù non può crescere se immerso nell’acqua. Pertanto, le piante che prosperano nell’acqua stagnante non sono veramente bambù.

Ora che hai compreso le caratteristiche morfologiche essenziali condivise dalle specie di bambù valide, dovresti identificare rapidamente le piante che sembrano simili ma non bambù.

Equiseto (Equiseto)

Equiseti che crescono lungo l'acqua
Gli equiseti sono simili alle felci, non producono né fiori né semi.

©iStock.com/undefined undefined

Gli equiseti sono sosia di bambù particolarmente interessanti. Appartengono a un unico genere di piante preistoriche che possono essere fatte risalire a circa 350 milioni di anni fa fino al medio periodo Devoniano. Il fatto che siano sopravvissuti così a lungo dovrebbe dirti quanto sono duri. I loro rizomi possono persino crescere se immersi nell’acqua.

Queste piante sono simili alle felci, non producono né fiori né semi. Invece, le piante di equiseto rilasciano spore dai coni riproduttivi che sono portati in cima ai loro steli. Mentre i gambi dell’equiseto sono sottili e cilindrici come i culmi di bambù, non sono legnosi. Infatti, come altri sosia di bambù, tendono ad essere relativamente morbidi e facili da rompere. Hanno una consistenza più ruvida e generalmente hanno creste verticali lungo il gambo.

Le specie di equiseto sono originarie di quasi ovunque tranne che in Australia, Nuova Zelanda e Antartide. Sono piante versatili e resistenti che, simili al bambù, si diffondono sottoterra con i loro rizomi. Una volta che hanno colonizzato un’area, possono essere difficili da sradicare, poiché i loro rizomi risiedono in profondità nel terreno. Tentativi infruttuosi di dissotterrarli possono causarne la rottura, producendo così più copie identiche della pianta che è stata appena rimossa.

canna gigante (Arundo donax)

Canna gigante (Arundo donax)
Le canne giganti producono annualmente spighe di fiori lunghe e piumate.

©iStock.com/Tatiana Kuklina

Questa canna alta è, come il bambù, un’erba perenne che forma rizomi. Tende a crescere in grandi ciuffi lungo le sponde dei corsi d’acqua, le sponde dei laghi, i canali di scolo e altre aree con un eccellente accesso all’umidità. Mentre cresce ad altezze di 10-20 piedi e produce canne cave che ricordano il bambù, questa specie di erba mediterranea è molto più fragile e non è sempreverde.

La canna gigante può essere scambiata per la canna da fiume nativa del Nord America a causa della loro simile abitudine di crescita alta, snella e agglomerata. Anche la densità simile delle loro foglie può creare confusione. Ogni canna gigante, tuttavia, porta foglie sessili piuttosto che foglie picciolate. Ciò significa che la base di ogni foglia è attaccata direttamente allo stelo della pianta e non ha un piccolo gambo proprio.

Un’altra importante caratteristica distintiva delle canne giganti sono i loro fiori. Mentre queste piante producono annualmente spighe di fiori lunghe e piumate, la maggior parte dei bambù fiorisce raramente. Molte specie fioriscono solo una volta ogni diversi decenni o più. Quando fioriscono, molte specie lo fanno in modo gregario, il che significa che grandi popolazioni della stessa specie fioriscono contemporaneamente in tutto il mondo.

A differenza del bambù, che rimane sempreverde per tutto l’anno in tutte le condizioni tranne le più difficili, la canna gigante diventa dormiente e muore di nuovo a terra ogni anno. Nonostante questo periodo di dormienza, può formare rapidamente colonie dense e ampiamente diffuse ed è considerata invasiva in molte località del Nord America.

poligono giapponese (Cuspide del poligono, Fallopia japonica)

poligono giapponese
Il poligono giapponese ha steli cavi divisi da nodi spessi, formando colonie dense come bambù in esecuzione.

©Acabashi | CC BY-SA – Licenza

Il poligono giapponese, a volte indicato anche come bambù messicano, è molto comunemente scambiato per bambù. Può raggiungere altezze simili, avere steli cavi divisi da nodi spessi e formare colonie dense come bambù in esecuzione. Cresce anche da rizomi sotterranei. Mentre sembra complicato distinguere tra bambù e poligono giapponese, è piuttosto semplice.

Le distinzioni più facili da fare sono tra le forme delle foglie di ciascuna pianta e la legnosità dei suoi steli. Mentre il bambù possiede foglie lanceolate lucide, simili a carta, le foglie delle piante di poligono sono a forma di cuore oa forma di vanga e sono profondamente venate. Gli steli del poligono, sebbene abbiano nodi nocca e internodi cavi, non sono fatti di fibre dure e legnose. Sebbene si induriscano con l’età e possano sembrare legnosi, sono fatti di morbido tessuto vascolare che perde liquido quando viene tagliato.

RELATED ARTICLES

Più Popolare