martedì, Aprile 23, 2024
HomeNewsDove nidificano i colibrì?

Dove nidificano i colibrì?

Prima di immergerci nel luogo in cui nidificano i colibrì, diamo un’occhiata più da vicino a queste incredibili creature. I colibrì sono piccoli uccelli colorati noti per la loro incredibile capacità di librarsi a mezz’aria sbattendo le ali fino a 80 volte in un secondo. Hanno becchi lunghi e sottili che permettono loro di penetrare in profondità nei fiori ed estrarre facilmente il nettare.

Aspetto

©iStock.com/epantha

In termini di aspetto, i colibrì sono disponibili in una varietà di colori e motivi a seconda della specie. Alcuni colori comuni includono verde, rosso, blu e viola. Le loro piume sono incredibilmente morbide e iridescenti, donando loro uno straordinario effetto scintillante quando volano alla luce del sole. Nel complesso, i colibrì sono uccelli davvero straordinari che ci affascinano con le loro abilità uniche e il loro bellissimo aspetto.

Dove nidificano i colibrì?

Colibrì sul nido, colibrì dalla gola rubino, femmina e due pulcini, alimentazione

©Agnieszka Bacal/Shutterstock.com

I colibrì sono noti per le loro abitudini di nidificazione uniche e le femmine sono responsabili della costruzione dei loro nidi. Questi minuscoli uccelli costruiscono tipicamente i loro nidi su rami sottili, che spesso scendono da alberi decidui come il carpino, la quercia, la betulla, il pioppo o il bagolaro. Tuttavia, a volte si possono trovare anche nidificanti nei pini.

Altezza

©Daniel Lamborn/Shutterstock.com

Anche l’altezza alla quale vengono costruiti i nidi di colibrì è degna di nota, poiché di solito preferiscono nidificare a 10-40 piedi dal suolo. Ciò fornisce loro una distanza di sicurezza dai predatori che potrebbero danneggiare la loro prole.

Luoghi strani

Il gancio per appendere la fioriera da patio è la base di partenza per la femmina del colibrì e il piccolo nido nel concetto di civiltà e natura

©Florence-Joseph McGinn/Shutterstock.com

È interessante notare che è noto che i colibrì costruiscono i loro nidi in luoghi non convenzionali, come anelli di catene o fili e persino prolunghe! Sembrano essere abbastanza adattabili quando si tratta di trovare luoghi ideali per la nidificazione. Nel complesso, sapere dove nidificano i colibrì può aiutare gli appassionati di birdwatching a individuare più facilmente queste bellissime creature durante la stagione riproduttiva. Comprendere come si adattano e sopravvivono in ambienti diversi non fa che aumentare il nostro apprezzamento per questi affascinanti uccelli.

Materiale e costruzione del nido

©Danita Delimont/Shutterstock.com

I colibrì sono noti per il loro volo agile, i colori vivaci e le caratteristiche uniche. Uno degli aspetti più intriganti dei colibrì è il loro comportamento di nidificazione. A differenza di altri uccelli che nidificano in una forchetta o in una fessura, i colibrì preferiscono costruire il nido direttamente su un ramo. Il processo di costruzione del nido richiede circa 6-10 giorni e si traduce in una piccola struttura che misura solo circa 2 pollici di larghezza e 1 pollice di profondità.

Tecnica costruttiva

©Devonyu/Shutterstock.com

Per creare questa piccola casa perfetta per i suoi piccoli, la femmina del colibrì usa il cardo o il dente di leone tenuti insieme da fili di seta di ragno. Potrebbe anche usare la resina di pino come agente adesivo per tenere tutto insieme in modo più sicuro. Durante la costruzione del nido, lo modella ulteriormente premendolo e lisciandolo tra il collo e il petto con movimenti delicati fino a ottenere un bordo perfettamente sagomato per contenere il suo prezioso carico.

Un rifugio sicuro

©iStock.com/Sen Yang

Per completare ulteriormente questa creazione simile a un’opera d’arte – che funge sia da rifugio sicuro che da asilo nido per i suoi bambini – pezzetti di licheni o muschio sono delicatamente posizionati all’esterno attorno al suo perimetro, probabilmente servendo da mimetismo contro i predatori naturali. Una volta completata la struttura di base, la femmina del colibrì calpesterà la base del nido per irrigidirlo lasciando abbastanza flessibilità per la crescita futura. Le pareti rimangono flessibili in modo che possano espandersi secondo necessità quando i pulcini iniziano a schiudersi dalle uova deposte all’interno.

Piccoli colibrì

©iStock.com/seeladyjane

Bambino non è il termine corretto, in realtà, poiché gli uccelli appena nati sono in realtà chiamati larve, pulcini o nidiacei. Ma comunque, riesci a immaginare qualcosa di più carino di un colibrì appena nato? I piccoli di colibrì escono dalle uova con gli occhi chiusi e quasi senza piume. La loro pelle è rosa o grigia e sono molto piccoli, normalmente più leggeri di un centesimo. I loro piedi sono così piccoli che non riescono a stare in piedi, rendendoli completamente dipendenti dalle madri per cibo e calore. Di solito ci vogliono circa tre settimane affinché i pulcini acquisiscano un set completo di piume.

I piccoli Hummer hanno bisogno di proteine

Colibrì femmina che alimenta il bambino nel nido

©sen yang/Shutterstock.com

I bambini umani hanno bisogno di una dieta ricca di proteine ​​e di nettare per crescere sani. Allo stesso modo, i pulcini di colibrì hanno bisogno di abbondanza di insetti e nettare per il loro rapido sviluppo e per sviluppare ossa e becchi forti. La madre fornirà questi nutrienti ai suoi piccoli più volte al giorno rigurgitando il cibo nelle loro bocche. La madre continuerà ad allattarli fino all’età di circa un mese, o anche fino a 60 giorni in alcuni colibrì tropicali. Dopodiché, sono da soli.

Prendere il volo

©Freebilly Photography/Shutterstock.com

I colibrì sono noti per le loro incredibili capacità di volo e si scopre che iniziano ad affinare quelle abilità in tenera età. I piccoli di colibrì iniziano ad esercitare le ali quando hanno solo due settimane in preparazione per il loro primo volo. Questa è una pietra miliare importante nella vita di un cucciolo di colibrì poiché segna l’inizio del suo viaggio verso l’indipendenza.

Involo

Un piccolo colibrì rossiccio (Selasphorus rufus) seduto su un trespolo

©Cliff LeSergent/Shutterstock.com

Una volta che i piccoli di colibrì sono pronti a volare, lasciano il nido in un processo chiamato involo. L’involo può essere un momento pericoloso per gli uccellini poiché devono ancora padroneggiare appieno le loro capacità di volo e potrebbero commettere errori che potrebbero metterli a rischio. Tuttavia, con la pratica e la tenacia, la maggior parte dei piccoli di colibrì diventeranno rapidamente abili volatori.

Una grande migrazione

Hummer arcobaleno in volo - Fotografia di un colibrì dalla gola rubino in volo che si staglia contro il sole al tramonto e il cielo dorato.  La luce del sole mostra colori iridescenti nelle piume.

©Ramona Edwards/Shutterstock.com

Per le specie migratrici di colibrì come il colibrì golarubino che si riproducono in Nord America ma svernano in America Centrale o in Messico, questa ritrovata indipendenza significa prepararsi per un epico viaggio verso sud. Questi giovani uccelli devono trovare cibo sufficiente lungo il percorso per alimentare il loro lungo volo evitando i predatori e le condizioni meteorologiche avverse.

Quando vedere i colibrì che nidificano

©Susan Hodgson/Shutterstock.com

I colibrì tipicamente partoriscono i loro piccoli durante i mesi primaverili ed estivi, quando i fiori sono in fiore e c’è abbondanza di nettare di cui possono nutrirsi. La stagione della nidificazione può variare a seconda della specie di colibrì e della loro posizione geografica, ma generalmente inizia a marzo o aprile e dura fino ad agosto o settembre. Se speri di avvistare un pulcino di colibrì, tieni gli occhi aperti per i nidi che si trovano in alto sugli alberi o sugli arbusti.

I colibrì ritornano allo stesso nido e mangiatoia ogni anno?

©Garrett Davis – Pubblico dominio

I colibrì migratori sono simili agli umani in quanto vogliono tornare a casa dopo una lunga vacanza. Spesso ritornano ogni anno nella stessa zona, ma i loro nidi non saranno gli stessi. Le femmine di colibrì costruiscono nidi per un solo utilizzo, quindi devono costruirne uno nuovo ogni anno. È interessante notare che le loro nuove case verranno solitamente costruite nelle stesse vicinanze di quelle precedenti, ad esempio su un albero vicino. Piccole creature abitudinarie, anche i colibrì visitano le stesse mangiatoie ogni anno. Quindi, quando si avvicina l’inizio della primavera, metti fuori una mangiatoia poiché i tuoi vicini colibrì saranno probabilmente affamati dopo la loro lunga migrazione. Tieni gli occhi aperti anche per un nuovo nido in alto nel tuo giardino!

Dove vederli

Due colibrì con fiore rosa.  Colibrì dalla gola ardente, che volano accanto a un bellissimo fiore fiorito, Savegre, Costa Rica.  Scena d'azione della fauna selvatica dalla natura.

©Ondrej Prosicky/Shutterstock.com

I colibrì sono alcuni degli uccelli più affascinanti del Nord America e possono essere trovati in molti stati degli Stati Uniti. Tuttavia, ci sono anche luoghi in cui queste deliziose creature non esistono affatto. Quindi quali stati degli Stati Uniti hanno i colibrì? La risposta è che quasi tutti gli stati li hanno! C’è solo uno stato degli Stati Uniti in cui non è stata registrata alcuna specie di colibrì: le Hawaii. I colibrì vivono in gran parte del continente, dall’Alaska alla Florida e persino in alcune parti del Canada.

Solo pochi stati degli Stati Uniti hanno residenti permanenti

Colibrì rossiccio che balla nel bagno degli uccelli

©Birdiegal/Shutterstock.com

Vale la pena notare che mentre molti stati possono avere colibrì che visitano i loro giardini o parchi durante la stagione migratoria, solo pochi forniscono habitat di nidificazione permanenti per questi piccoli uccelli. Alcuni stati con un’elevata popolazione di colibrì includono l’Arizona (con 18 specie diverse!), California (14), Texas (20), Nuovo Messico (17) e Florida (12).

RELATED ARTICLES

Più Popolare