giovedì, Maggio 23, 2024
HomeNewsCarolina Chickadee: identificazione, posizioni comuni, dieta e altro!

Carolina Chickadee: identificazione, posizioni comuni, dieta e altro!

La cinciallegra della Carolina, Poecile carolinensis, è una delle sette specie di cinciallegre originarie del Nord America. Questo adorabile uccello è un ospite frequente in molte mangiatoie da giardino negli Stati Uniti sudorientali. Gli appassionati di birdwatching possono avvistare questi piccoli uccelli canori che viaggiano in stormi durante l’autunno e l’inverno. Le coppie si accoppiano in primavera, nidificando nelle cavità degli alberi o nelle cassette nido. Cerca le loro familiari teste bianche e nere e i piccoli corpi grigi mentre si nutrono sugli alberi in primavera ed estate o presso le mangiatoie in inverno. Potrebbero semplicemente diventare uno dei tuoi uccelli preferiti.

Dove trovare la cinciallegra Carolina

La Carolina Luisa è una specie residente in tutto il suo areale, che comprende la maggior parte degli Stati Uniti sudorientali. Il suo areale si estende dal Texas, dall’Oklahoma e dal Kansas sud-orientale fino alla Pennsylvania e ad est fino alla Florida. Il bordo settentrionale dell’areale della Chickadee della Carolina si sovrappone a quello della Chickadee dal cappuccio nero. Le due specie a volte si ibridano lungo i loro areali condivisi.

Le cinciallegre della Carolina si adattano bene a vivere in un’ampia varietà di habitat. Si sentono a loro agio nelle foreste e nelle paludi così come nelle aree urbane. Questi uccelli vivono spesso in boschi o margini di foreste costituiti almeno in parte da alberi decidui. Tendono a preferire essere vicino a una fonte d’acqua di qualche tipo. Nelle aree urbane o suburbane possono frequentare cortili o parchi, soprattutto vicino ad aree boscose.

38.413 persone non sono riuscite a superare il quiz Pensi di poterlo fare? Rispondi al nostro quiz sugli uccelli dagli animali AZ

Aspetto

Carolina Luisa appollaiata su un albero in primavera

Le cinciallegre della Carolina hanno corpi molto arrotondati con un modello di colore distinto.

©Ami Parikh/Shutterstock.com

Che aspetto hanno le cince della Carolina? Questi piccoli uccellini grigi con la testa bianca e nera sono carinissimi! Hanno corpi piccoli e rotondi che raggiungono solo circa 4,3-5,1 pollici di lunghezza e pesano meno di mezza oncia. Ciò li rende più o meno delle stesse dimensioni di uno scricciolo domestico e più piccoli della maggior parte dei passeri.

Le cinciallegre della Carolina non mostrano dimorfismo sessuale. Hanno teste rotonde con berretti neri, bavaglini neri e minuscoli becchi neri. Questi uccelli hanno un’ampia striscia bianca che si estende su un lato del viso, da sotto l’occhio fino alla nuca, dove inizia a diventare leggermente grigia. Hanno piume grigio scuro sulle parti superiori con seni chiari, quasi bianchi e stinchi color cuoio. Le penne delle ali secondarie hanno un bordo grigio, in contrasto con il bordo bianco che si trova sulla cinciallegra dal cappuccio nero.

Riproduzione

Le cince della Carolina spesso si accoppiano per la vita. Formano coppie in autunno o in inverno e restano insieme a uno stormo di cince finché non sono pronte per accoppiarsi in primavera. La stagione riproduttiva inizia tipicamente a metà aprile, quando la coppia inizia a cercare un posto dove nidificare.

Questa specie, come le altre cince, nidifica nelle cavità. Possono utilizzare cavità naturali negli alberi, tane abbandonate di picchi o cassette nido. Preferiscono nidificare tra 5 e 15 piedi dal suolo. I maschi aiutano a scavare il sito del nido, se necessario, quindi le femmine costruiscono il nido all’interno della cavità utilizzando strisce di corteccia, muschio e altri materiali vegetali. Rivestino il nido con materiali più morbidi come fibre vegetali e peli di animali.

Una volta completato il nido, le femmine depongono dalle 3 alle 10 uova. Incubano le uova da sole, dormendo nella cavità. I maschi possono portare il cibo alle femmine durante il periodo di incubazione. Dopo circa 12-15 giorni i pulcini si schiudono. Emergono senza piume e indifesi, ma se entrambi i genitori li nutrono, si sviluppano rapidamente. I pulcini si impennano entro 16-19 giorni. Rimangono però vicino al nido per altre 2 o 3 settimane, mentre i genitori continuano a vegliare su di loro.

Cosa mangiano le cince della Carolina?

Una Carolina Luisa appollaiata su un agrifoglio americano in Louisiana.

La Carolina Chickadee mangia più bacche e semi nei mesi invernali.

©Bonnie Taylor Barry/Shutterstock.com

Le cince della Carolina mangiano principalmente insetti e larve, oltre a ragni e altri invertebrati. Catturano le loro prede principalmente cercando cibo dalla superficie degli alberi, spesso appesi a testa in giù per raggiungere la parte inferiore di un ramo o un pezzo di corteccia. Questi uccelli amano particolarmente divorare i bruchi. A volte catturano anche la preda mentre sono in bilico o inseguono un insetto in volo.

In inverno, questi uccelli resistenti spesso passano a una dieta più a base vegetale, mangiando semi e bacche non appena diventano disponibili. Le cinciallegre della Carolina possono visitare le mangiatoie per uccelli in qualsiasi periodo dell’anno, ma soprattutto nei mesi più freddi. Come le altre cince, adorano i semi di girasole. A loro piacciono anche le arachidi, il burro di arachidi e la sugna, che forniscono le proteine ​​e i grassi necessari.

Le cince della Carolina sono rare?

La Lista Rossa IUCN delle specie minacciate ha classificato la Luisa della Carolina come una specie meno preoccupante, con una popolazione stabile. Questa specie ha un areale ampio e non frammentato. Si è adattato bene a molti tipi di habitat all’interno di quell’intervallo e tollera facilmente le popolazioni umane. Questo uccello non è considerato raro, ma se vuoi aumentare le tue possibilità di attirare le cince della Carolina nel tuo giardino, i ricercatori suggeriscono di piantare molte piante autoctone per attirare i bruchi e gli insetti di cui hanno bisogno.

Le cince della Carolina costruiscono i loro nidi nelle cavità naturali degli alberi o talvolta nelle cavità abbandonate dai picchi. Formano i nidi con muschio e corteccia, quindi rivestono il nido con peli di animali, pelliccia o morbide fibre vegetali.

RELATED ARTICLES

Più Popolare