lunedì, Giugno 17, 2024
HomeNewsAttenzione a queste 11 piante pericolose che crescono nel New Jersey

Attenzione a queste 11 piante pericolose che crescono nel New Jersey

Sebbene lo stato del New Jersey sia noto per le sue vivaci città e la costa iconica, vanta anche una vasta gamma di flora e fauna. Tuttavia, non tutte le piante trovate nello stato sono innocue. In effetti, ci sono diverse piante pericolose di cui residenti e visitatori dovrebbero essere consapevoli per evitare potenziali danni o rischi per la salute. È importante sapere come identificare queste piante e prendere le precauzioni necessarie se entri in contatto con loro mentre esplori la bellezza naturale del New Jersey.

Piante pericolose che crescono nel New Jersey

Il pericolo rappresentato da determinate piante per l’uomo o gli animali può essere attribuito a una varietà di fattori. Alcune piante possono contenere sostanze chimiche tossiche che possono causare danni se ingerite, toccate o inalate. Altri possono avere spine o spine affilate che possono perforare la pelle e causare lesioni. Inoltre, alcune piante possono rilasciare allergeni nell’aria, causando problemi respiratori a coloro che sono sensibili. Nello specifico nel New Jersey, ci sono diverse piante pericolose di cui i residenti dovrebbero essere a conoscenza. Ne discuteremo in dettaglio di seguito.

1. Digitale

Piante di digitale rosa e bianche in un giardino cottage inglese
Le piante di digitale sono originarie dell’Africa nordoccidentale, dell’Asia occidentale e dell’Europa.

©iStock.com/Matthew J Thomas

Foxglove è una pianta comune che si trova nel New Jersey e in altre parti del mondo. Cresce tipicamente in zone ombreggiate, come foreste o lungo i bordi dei campi. La pianta può crescere fino a sei piedi di altezza e produrre bellissimi fiori a forma di campana che vanno dal rosa al viola.

Sebbene la digitale possa sembrare innocua, contiene una potente tossina chiamata digitale che può essere pericolosa se ingerita da esseri umani o animali. La digitale colpisce il cuore e può causare battito cardiaco irregolare, nausea, vomito e persino la morte.

È importante notare che molti farmaci usati oggi derivano da composti digitalici presenti nella digitale. Tuttavia, questi farmaci sono dosi attentamente controllate prescritte dai medici e non dovrebbero mai essere autosomministrati.

La digitale è una pianta pericolosa nel New Jersey. Se incontri la digitale mentre fai un’escursione o esplori la natura, ammirane la bellezza ma evita di toccare o consumare qualsiasi parte della pianta. Anche insegnare ai bambini i pericoli delle piante selvatiche come la digitale è fondamentale per la loro sicurezza quando trascorrono del tempo all’aperto.

2. Sommacco velenoso

Vista ravvicinata delle bacche bianche della pianta di sommacco velenoso in autunno con uno sfondo fuori fuoco
Il sommacco velenoso è altamente tossico per l’uomo e gli animali.

©iStock.com/Grb

Il sommacco velenoso è una pianta altamente tossica che può causare gravi reazioni allergiche nell’uomo e negli animali. È importante poter identificare questa pianta, in quanto cresce abbondante nel New Jersey e in altre zone degli Stati Uniti. Il sommacco velenoso cresce tipicamente nelle zone umide come paludi, acquitrini e acquitrini. Le foglie del sommacco velenoso sono lunghe e appuntite con bordi lisci e crescono su rami con steli rossi. Le foglie cambiano colore a seconda delle stagioni. Sono verdi durante la primavera e l’estate, poi gialli o arancioni durante l’autunno, infine diventano marroni durante l’inverno.

Ciò che rende pericoloso il sommacco velenoso sono i suoi oli di urushiolo che provengono dalla corteccia del gambo, dai ramoscelli, dai frutti, dalle radici, dalla linfa o persino dalle foglie cadute che possono rimanere attive per anni dopo essere cadute dall’albero ospite. Quando questi oli vengono a contatto con la pelle umana (o il pelo di un animale), innescano immediatamente una reazione allergica che causa eruzioni cutanee pruriginose insieme a vesciche dolorose che possono comparire entro ore o giorni, a seconda della risposta del sistema immunitario di ciascun individuo.

Oltre all’irritazione della pelle, sono comuni sintomi come gonfiore intorno alle palpebre e alla zona della bocca (se toccati accidentalmente). L’inalazione di fumo dalla combustione di sommacco velenoso potrebbe anche portare a problemi respiratori come la tosse a causa di effetti irritanti sulle vie respiratorie dei polmoni. Ciò significa che non si dovrebbero mai bruciare piante velenose poiché potrebbero diffondere particelle tossiche nell’ambiente circostante.

3. Monaco

aconitum napellus, o Monkshood in viola brillante.  Un'immagine ravvicinata dei fiori aperti.
Monkshood è bello ma mortale.

©iStock.com/LianeM

Monkshood, noto anche come Aconitum o rovina del lupo, è una pianta altamente velenosa che può essere trovata in crescita in varie parti del New Jersey. È caratterizzato dalle sue alte punte di fiori blu o viola e dalla caratteristica forma simile a un cappuccio.

Questa pianta mortale fiorisce tipicamente durante i mesi di fine estate e può crescere fino a sei piedi di altezza. Predilige terreni umidi e si trova spesso lungo gli argini dei fiumi, nei prati e nelle zone boschive.

Sebbene sia bello da vedere, il monachesimo contiene potenti tossine che possono rivelarsi fatali se ingerite o addirittura toccate senza un’adeguata protezione. La tossina colpisce il sistema nervoso provocando intorpidimento, sensazioni di formicolio, debolezza e nausea entro pochi minuti dall’esposizione. Se non trattata, può causare insufficienza respiratoria che porta alla morte.

È importante prestare estrema attenzione quando si maneggia questa pianta pericolosa poiché il suo veleno è stato usato per secoli come metodo efficace per uccidere sia gli esseri umani che gli animali. Il contatto con qualsiasi parte della pianta (petali di fiori inclusi) dovrebbe essere evitato a tutti i costi. I guanti devono essere sempre indossati durante la manipolazione o la rimozione dalle aiuole a causa del pericolo che comporta.

4. Cicuta velenosa

primo piano fiori bianchi selvatici della pianta della cicuta
La cicuta velenosa cresce spontaneamente nel New Jersey ed è una pianta velenosa.

©iStock.com/gabrielabertolini

La cicuta velenosa è una pianta altamente tossica che può comportare seri rischi sia per l’uomo che per gli animali. È una delle piante più pericolose del New Jersey. Appartiene alla famiglia delle carote e cresce in ambienti umidi come campi, prati, fossi e lungo i bordi delle strade. La pianta raggiunge tipicamente altezze di 3-8 piedi di altezza, con fiori bianchi raggruppati nella parte superiore degli steli durante la tarda primavera o l’inizio dell’estate.

Identificare la cicuta velenosa può essere difficile poiché assomiglia a molte altre piante innocue come le carote selvatiche, il pizzo della regina Anna, il prezzemolo o il finocchio. Tuttavia, ci sono alcune caratteristiche distintive, tra cui macchie viola sullo stelo (specialmente vicino a dove si attaccano le foglie) e steli lisci senza peli con una lucentezza cerosa quando sono giovani ma possono diventare pelosi man mano che maturano.

Il pericolo rappresentato dalla cicuta velenosa risiede nella sua capacità di produrre una serie di tossine note come coniine che colpiscono il sistema nervoso portando alla paralisi e infine alla morte se non trattate. Tutte le parti di questa erba mortale contengono queste tossine, ma le concentrazioni più elevate si trovano nei semi, seguiti dalle foglie e infine dalle radici.

Se sospetti un avvelenamento dovuto al contatto con Poison Hemlock, consulta immediatamente un medico!

5. Edera velenosa

Edera velenosa con tre foglie che mostrano in dettaglio.
L’edera velenosa ha foglie composte costituite da tre singole foglioline.

©Tim Mainiero/Shutterstock.com

L’edera velenosa è una pianta pericolosa che si trova comunemente nel New Jersey e può essere facilmente identificata dalle sue tre foglie lucenti e appuntite. Tipicamente cresce come una vite o un arbusto e può essere visto arrampicarsi su alberi, recinzioni o muri. La pianta prospera in aree boschive, campi e giardini in tutto lo stato.

Il pericolo rappresentato dall’edera velenosa deriva da un olio presente sulla superficie delle sue foglie chiamato urushiol. Quando qualcuno entra in contatto con questo olio attraverso il contatto diretto o indirettamente attraverso oggetti contaminati come indumenti o attrezzature, può sviluppare un’eruzione cutanea che può causare prurito, gonfiore e vesciche sulla pelle. Nei casi più gravi, potrebbe causare difficoltà respiratorie se viene inalato il fumo delle piante in fiamme contenenti urushiol.

È importante notare che non tutti sviluppano una reazione se esposti all’edera velenosa, ma evitare del tutto l’esposizione è fondamentale per coloro che lo fanno. Indumenti protettivi come maniche lunghe e pantaloni dovrebbero essere indossati quando ci si avventura all’aperto vicino ad aree note di crescita di edera velenosa, facendo anche attenzione a non toccare direttamente nessuna parte della pianta.

6. Quercia velenosa

Primo piano di quercia velenosa selvatica - TOXICODENDRON PUBESCENS - conosciuta anche come quercia velenosa atlantica, edera di foglie di quercia o edera velenosa di foglie di quercia, è un arbusto eretto a crescita bassa
La quercia velenosa è una pianta pericolosa che cresce nel New Jersey

©iStock.com/Dan Rieck

La quercia velenosa è una pianta comune che si trova nelle regioni orientali e occidentali del Nord America, incluso il New Jersey. Cresce tipicamente come un arbusto o una vite con foglie simili nell’aspetto a quelle di una quercia, da cui il nome. Le foglie della quercia velenosa sono generalmente disposte in gruppi di tre e hanno una forma particolare che ricorda la punta delle dita.

La pianta può crescere fino a sei piedi di altezza e fiorisce tra maggio e luglio, producendo piccoli fiori giallo-verdi seguiti da bacche bianche. La quercia velenosa prospera in aree umide come boschi, campi, argini dei fiumi e lungo i bordi delle strade.

Il pericolo rappresentato dalla quercia velenosa risiede nell’olio di urushiol presente sui suoi steli, foglie, radici e persino sulla sua linfa. Quando questo olio viene a contatto con la pelle, provoca prurito, arrossamento e vesciche, che possono durare per diverse settimane se non trattate. Nei casi più gravi, l’esposizione all’olio di urushiolo può anche causare febbre o difficoltà respiratorie, che richiedono cure mediche.

È importante notare che non tutti saranno colpiti dalla quercia velenosa poiché la sensibilità varia da persona a persona. Tuttavia, si dovrebbe comunque prestare attenzione quando si entra in contatto con piante che crescono spontaneamente perché le conseguenze potrebbero essere gravi per alcuni individui.

Gli animali possono anche soffrire di avvelenamento a causa dello sfregamento del pelo contro la pianta velenosa, provocando loro prurito o sensazione di disagio, portandoli a grattarsi intensamente, provocando piaghe sulla pelle che potrebbero portare a infezioni o ulteriori complicazioni se non trattate.

7. Cicuta d’acqua

Close up di acqua la cicuta (Cicuta maculata).  Ogni capolino è composto da grappoli di piccoli fiori bianchi a cinque petali.  Foto scattata sul fiume Silver a Ocala, in Florida.  Nikon D750 con obiettivo macro Nikon 200 mm
La cicuta d’acqua (Cicuta maculata) è composta da grappoli di piccoli fiori bianchi a cinque petali.

©iStock.com/cturtletrax

La cicuta d’acqua è una pianta altamente velenosa che cresce nel New Jersey. La pianta cresce tipicamente vicino a corpi idrici, come ruscelli, paludi o zone umide, ma può anche essere trovata in campi o prati.

Uno degli aspetti più pericolosi della cicuta d’acqua è la sua somiglianza con piante commestibili come carote selvatiche o pastinache. Ha lunghi steli con piccoli fiori bianchi riuniti in ombrelle. Le sue foglie sono divise in tre foglioline che possono sembrare simili a quelle delle piante di aneto o prezzemolo. Questa somiglianza rende facile per le persone scambiare la cicuta d’acqua per una pianta commestibile e ingerirla accidentalmente.

Le tossine presenti nella cicuta colpiscono il sistema nervoso centrale e possono causare convulsioni, insufficienza respiratoria e morte entro poche ore dall’ingestione. Ingerire anche una piccola quantità della pianta è estremamente pericoloso. Solo pochi morsi dalla sua radice possono portare a gravi avvelenamenti.

È importante notare che è noto che anche animali come mucche o cavalli muoiono dopo aver pascolato questa erba mortale. Pertanto, gli agricoltori dovrebbero sempre garantire che il loro bestiame non abbia accesso alle aree in cui questa erbaccia prospera.

8. Ranuncolo

Ranuncoli in un campo, fiori aperti giallo brillante contro l'erba del pascolo verde brillante.
I ranuncoli hanno un sapore terribile e sono tossici.

©July_Kom/Shutterstock.com

Il ranuncolo è un comune fiore di campo…

RELATED ARTICLES

Più Popolare