lunedì, Giugno 17, 2024
HomeNewsGli 11 elementi più pericolosi sulla Terra

Gli 11 elementi più pericolosi sulla Terra

Sebbene il pianeta Terra sia ricco di bellezza, è anche sede di molti pericoli. Sebbene gli esseri umani siano condizionati a diffidare di pericoli come oggetti appuntiti, condizioni meteorologiche estreme e fuoco, l’avvelenamento elementale non viene discusso così spesso. Alcuni elementi tossici si trovano nel nostro cibo e nelle nostre riserve idriche, mentre altri sono meno comuni. Esploriamo 11 degli elementi più pericolosi sul pianeta Terra e discutiamo quali effetti possono avere al contatto con gli esseri umani.

1. Mercurio

Le donne incinte in particolare possono sperimentare una serie di problemi di salute se esposte al mercurio.

©iStock.com/ados

Quasi tutti conoscono i pericoli del mercurio e questo per un’ottima ragione. Questo elemento è presente in molti alimenti che mangiamo, come tonno, salmone, riso, alcol e persino prodotti a base di soia. Tuttavia, questo non è l’unico modo in cui gli esseri umani possono essere esposti a questo elemento. Sia l’inalazione che la manipolazione del mercurio possono avere effetti di vasta portata. Secondo il Dipartimento di Salute e Controllo Ambientale della SC, “A seconda del tipo e della quantità, le esposizioni al mercurio possono danneggiare il sistema nervoso, i reni, il fegato e il sistema immunitario. Respirare i vapori di mercurio può danneggiare il sistema nervoso, i polmoni e i reni”.

2. Arsenico

L’arsenico fu scoperto per la prima volta nel 1250.

©ADragan/Shutterstock.com

Quando senti la parola “arsenico”, è probabile che la tua mente vaghi al veleno. Tuttavia, a un certo punto, questo elemento era ampiamente utilizzato in prodotti come vernici, vetro, carta da parati e pesticidi. Ciò avvenne molto prima che l’umanità si rendesse conto degli effetti mortali che può avere il contatto con l’arsenico. Mentre alcune persone manifestano sintomi lievi come nausea e vomito, altre possono sviluppare malattie come il cancro. Le donne incinte sono particolarmente sensibili all’arsenico poiché ha un notevole impatto sullo sviluppo del feto.

3. Guidare

Tavola periodica degli elementi.  Messa a fuoco selettiva.

Il simbolo del piombo nella tavola periodica è Pb.

©isak55/Shutterstock.com

Similmente all’arsenico, il piombo un tempo era molto più diffuso di quanto non lo sia oggi. Da quando l’umanità si è resa conto che il contatto con il piombo può avere diversi effetti negativi sulla salute, sono stati fatti tentativi per sostituire questo elemento nei prodotti per i quali è stato utilizzato. Un tempo il piombo veniva utilizzato in qualsiasi cosa, dalla ceramica al trucco, ma se gli esseri umani entrano in contatto con esso, gli effetti possono essere mortali. Danni al sistema nervoso, problemi di fertilità, memoria difettosa e dolori muscolari sono tutti associati a questo elemento.

4. Cadmio

Cadmio fine al 99,995% isolato su sfondo bianco

Funghi e pesce sono alimenti che contengono livelli piuttosto elevati di cadmio.

©Bjoern Wylezich/Shutterstock.com

Il cadmio è un metallo pesante dall’aspetto argentato e morbido al tatto. Come altri elementi pericolosi, gli esseri umani possono essere esposti al cadmio in vari modi diversi. Mentre alcune persone entrano in contatto con il cadmio attraverso il loro commercio, altri consumano inavvertitamente alimenti che contengono cadmio. Al contatto, gli effetti collaterali possono variare da lieve nausea a insufficienza renale.

5. Berillio

Berillio fine al 99,58% isolato su sfondo bianco

Questo elemento fu descritto per la prima volta nel 1797.

©Bjoern Wylezich/Shutterstock.com

Il berillio viene utilizzato per una serie di ragioni diverse e gli individui che lavorano in determinati settori corrono un rischio maggiore di contatto rispetto ad altri. Coloro che lavorano nella costruzione automobilistica e aerospaziale sono alcuni degli individui a più alto rischio. Il contatto con il berillio è associato ad effetti collaterali come dolore toracico e irritazione della pelle. Tuttavia, il contatto prolungato con questo elemento può causare nell’uomo lo sviluppo della malattia cronica da berillio (CBD).

6. Tallio

Tallio sulla tavola periodica degli elementi stampata su tessuto nero

Molti ortaggi a radice contengono tracce di tallio.

©TonelloPhotography/Shutterstock.com

Un altro elemento incredibilmente pericoloso è il tallio e l’ingestione di un solo grammo di questa sostanza può avere conseguenze mortali. Secondo i Centers for Disease Control, “il tallio è insapore e inodore ed è stato usato dagli assassini come un veleno difficile da rilevare”. Sebbene questo elemento rappresenti numerose minacce per gli esseri umani in caso di contatto, è comunemente utilizzato nella produzione di numerosi dispositivi elettronici.

7. Fluoro

Fluoro.  Elemento chimico con numero atomico 9. Il non metallo chimicamente più attivo.  Il fluoro come l'ossidante più forte.  Tipi di gas.  Elementi necessari al corpo umano.

Il fluoro è correlato al fluoro.

©FOTOGRIN/Shutterstock.com

Un altro elemento da cui bisognerebbe stare il più lontano possibile è il fluoro. Questo elemento è altamente reattivo e deve essere maneggiato con la massima cura. Sebbene molte persone non incontreranno questo elemento nel loro campo di lavoro, le persone che lavorano nei settori dell’energia nucleare o della produzione di componenti elettronici potrebbero essere esposti.

8. Antimonio

L'antimonio o pietra di antimonio, chiamata anche stagno, è un elemento chimico.  A temperatura ambiente l’antimonio è allo stato solido.  Estrazione minerale.

Il simbolo dell’antimonio nella tavola periodica è Sb.

©RHJPhototos/Shutterstock.com

A differenza di altri elementi di cui abbiamo discusso oggi, l’antimonio è importante dal punto di vista medico nel mondo moderno. Secondo i Centers for Disease Control, “L’antimonio può avere effetti benefici se usato per ragioni mediche. È stato usato come medicinale per curare le persone infette da alcuni tipi di parassiti”. Nonostante ciò, esistono ancora effetti collaterali negativi associati al contatto con questo elemento. Irritazione della pelle, problemi di stomaco, difficoltà di respirazione e problemi alla vista sono alcuni dei più comuni.

9. Polonio

Polonio-210: utilizzato negli eliminatori statici e come fonte di calore nei satelliti e nelle sonde spaziali.

Il polonio fu descritto per la prima volta nel 1898 da Marie e Pierre Curie.

©luchschenF/Shutterstock.com

A differenza di altri elementi di cui abbiamo discusso oggi, il polonio non è così abbondante. In realtà, questo è uno degli elementi più rari. Il polonio è utile in alcuni settori e le persone che costruiscono satelliti e altre apparecchiature spaziali potrebbero essere esposte all’esposizione. Tuttavia, le persone possono comunque entrare in contatto con questo elemento semplicemente mangiando cibo o inalando il fumo di sigaretta. Il contatto con il polonio può causare sintomi che vanno dalla nausea e dal vomito fino al coma e alla morte nei casi peggiori.

10. Uranio

minerale di uranio nella miniera, concetto di radiazione minerale, energia radioattiva

L’uranio è considerato cancerogeno.

©RHJPhototos/Shutterstock.com

Quando pensi agli elementi radioattivi, è probabile che la tua mente vada dritta all’uranio. Sebbene questo elemento sia leggermente radioattivo, lo è meno di quanto si possa pensare. Nonostante ciò, è ancora altamente tossico e le persone che entrano in contatto con grandi quantità possono manifestare diversi effetti collaterali. Malattie renali, problemi respiratori, disfunzioni neurologiche e cancro sono tutti associati al contatto con l’uranio.

11. Plutonio

Simbolo Plutonio sulla tavola periodica degli elementi chimici, vista da vicino

Questo elemento è radioattivo e può causare danni estesi a diversi sistemi di organi all’interno del corpo umano.

©Nuova Africa/Shutterstock.com

Di tutti gli elementi della tavola periodica, il plutonio è il più pericoloso di tutti. A differenza di altri elementi, qualsiasi plutonio ingerito dagli esseri umani non causerà tanti danni quanto l’inalazione o il contatto con la pelle. Gli effetti collaterali dell’esposizione a questo elemento includono malattie polmonari, danni al fegato, problemi riproduttivi e una varietà di tumori.

RELATED ARTICLES

Più Popolare