martedì, Aprile 23, 2024
HomeCaracalsGatto d'oro africano

Gatto d’oro africano

La prima immagine di un gatto dorato africano è stata catturata in natura in Gabon nel 2002.

Stato di conservazione

L’African Golden Cat è un animale sfuggente raramente osservato nel suo habitat naturale. La Lista Rossa IUCN ha dichiarato la specie vulnerabile e in declino a causa della perdita di habitat causata dall’agricoltura commerciale, dalle piantagioni di legno e polpa, dalla caccia e dall’estrazione mineraria.

Sono difficili da studiare a causa della loro natura timida e degli habitat densamente boscosi. Di conseguenza, gli scienziati non sanno molto del loro comportamento e stile di vita e la maggior parte delle informazioni sulla specie deriva da studi dietetici e esemplari museali.

Purtroppo, il gatto dorato africano ha perso il 44% del suo habitat. Questo perché non migrano e dipendono dalle aree boschive tropicali. Non c’è modo che possano sopravvivere in regioni con abbondanti disordini umani. Sfortunatamente, le aree boschive dell’Africa occidentale sono gravemente danneggiate dalla costruzione, principalmente dalla costruzione di strade.

Rendendo più facile avventurarsi sempre più in profondità nelle foreste, apre le porte ai bracconieri nel commercio di carne selvatica per avvicinarsi a questi gatti. Ad esempio, i gatti dorati africani vengono spesso catturati nelle trappole utilizzate nei metodi di caccia illegali.

In alcuni paesi africani, le pelli di gatto dorate sono molto richieste perché vengono utilizzate in medicina e rituali tribali. Ad esempio, gli indigeni usano la loro pelle durante le cerimonie di circoncisione o come portafortuna durante la caccia e per avvolgere oggetti di valore.



Sottospecie

Il gatto dorato africano ha due sottospecie, vale a dire:

  • Profelis aurata aurata
  • Profili in cotone dorato

Anatomia e aspetto

Questi gatti sono disponibili in diversi colori: bruno-rossastro, castano, marrone grigiastro e nero. Anche i loro modelli variano; alcuni hanno punti chiari, mentre altri hanno punti più scuri. Tuttavia, altri gatti dorati africani hanno solo motivi a macchie sulla parte interna delle gambe e sul ventre.

Inoltre, sono di colore più chiaro (quasi bianco) intorno agli occhi, alle guance, al mento, alla gola e alla parte inferiore. Anche le loro code variano, alcune sono più scure e fortemente fasciate, mentre altre sono leggermente fasciate o semplici. Tuttavia, le loro code finiscono sempre con una punta nera.

Le loro variazioni di colore e motivi tendono a cambiare a causa della loro posizione. Ad esempio, i gatti dorati africani nei territori occidentali hanno più macchie (rendendoli più scuri) mentre sono più chiari con macchie minime nelle regioni orientali.

Hanno una piccola testa arrotondata che sembra quasi sproporzionata rispetto alle loro dimensioni corporee. D’altra parte, il gatto dorato africano è muscoloso con una struttura voluminosa, gambe lunghe, grandi zampe e una coda corta.

La loro lunghezza varia ma di solito è compresa tra 24 e 40 pollici e può raggiungere altezze da 15 a 22 pollici. I maschi pesano più delle femmine, ma il loro peso generale varia da 12 a 35 libbre.

Sembrano molto simili al caracal, ma ci sono alcune differenze, come il gatto dorato africano non ha ciuffi sulle orecchie, la sua coda è più lunga e la sua faccia è più corta e arrotondata. Inoltre, le loro orecchie sono piccole e rotonde e hanno occhi dal blu pallido al marrone.

Distribuzione e Habitat

I gatti dorati africani dipendono da un ambiente boschivo per la sopravvivenza. Si trovano tipicamente nell’Africa tropicale e la loro popolazione è divisa principalmente in due aree, lungo la costa occidentale fino a nord e nell’Africa centro-occidentale.

Questa specie vive nelle foreste pluviali umide e si trova tipicamente dal livello del mare fino a 3.600 metri in fitte foreste pluviali, foreste di bambù, brughiere alpine, foreste montane, foreste fluviali e savane boscose.

Le loro popolazioni prosperano in foreste indisturbate, con una fitta vegetazione di sottobosco e un’abbondanza di roditori.

Comportamento e stile di vita

Sfortunatamente, ci sono poche informazioni sul comportamento e sullo stile di vita del gatto dorato africano e quali dati esistono provengono solo da poche osservazioni. Ma, sorprendentemente, le persone li conoscono da quasi 200 anni.

La prima immagine di un gatto dorato africano è stata catturata in natura in Gabon nel 2002. Poi, nel 2008, la seconda fotografia è stata scattata nel Kibale Nation Park dell’Uganda e nel 2009 un locale ha assistito a uno che cacciava un piccolo mammifero su una strada deserta nel Parco Nazionale Impenetrabile di Bwindi.

Tuttavia, dal 2010, centinaia di avvistamenti e immagini in Gabon e Uganda sono stati catturati grazie alla tecnologia moderna come le trappole fotografiche. Da queste prove, gli scienziati hanno determinato che questa specie è solitaria.

In genere, condividono i loro territori con i leopardi e devono competere con loro per il cibo. Tuttavia, i leopardi predano i gatti dorati africani, che scarseggiano nelle aree con grandi popolazioni di leopardi.

I gatti dorati africani sono catemerali (attivi durante il giorno e la notte), ma nelle zone dove sono presenti i leopardi (notturni), sono più attivi durante il giorno.

Non ci sono molte informazioni sul comportamento di caccia del gatto dorato africano; tuttavia, gli scienziati hanno stabilito che la maggior parte della loro caccia si svolge a terra, ma occasionalmente cacciano sugli alberi.

Riproduzione e ciclo di vita

Poiché questo gatto è così timido, i loro rituali di accoppiamento sono attualmente sconosciuti. C’è stato solo un avvistamento di due gatti dorati africani insieme. Chiaramente, i ricercatori hanno bisogno di raccogliere più informazioni sul gatto d’oro africano per comprendere appieno la loro riproduzione e i cicli di vita.

Tuttavia, ci sono alcune prove raccolte dai gatti dorati africani in cattività. Le cucciolate di solito sono composte da 1 o 2 cuccioli ma occasionalmente includono tre cuccioli. Le madri si ritirano in una tana nascosta per partorire, di solito sotto un albero cavo. La gestazione è relativamente veloce, tra 75 e 78 giorni, e i cuccioli pesano da 6,3 a 8,3 once quando sono nati.

I cuccioli di gatto dorato africano nascono ciechi e generalmente i loro occhi impiegano sette giorni per aprirsi. Crescono rapidamente e, entro due settimane, possono già arrampicarsi. Poi, a sei settimane, iniziano lo svezzamento. La maturità sessuale differisce tra maschi e femmine. Le femmine raggiungono la maturità sessuale prima a 11 mesi e i maschi a 18 mesi. I gatti dorati africani possono vivere fino a 12 anni in natura.

Dieta e preda

I gatti dorati africani sono carnivori e generalmente predano mammiferi più piccoli come:

  • roditori
  • soccorritori subacquei
  • Uccelli
  • Iraci arboree
  • Piccola antilope della foresta
  • Pesce

Sebbene questi gatti siano stati registrati mentre cacciano scimmie, predano principalmente piccoli primati feriti o che cadono dagli alberi.

Quando cacciano gli uccelli, spesso strappano le piume prima di mangiare. Questo imita il comportamento alimentare del caracal a causa della quantità di piume che strappano prima di indulgere.

Predatori e minacce del gatto dorato africano

I leopardi predano i gatti dorati africani, ma preferiscono gli stessi territori, quindi i gatti dorati africani cercano di evitare i leopardi essendo più attivi durante il giorno mentre i predatori Apex dormono.

Sfortunatamente, la loro principale minaccia è la perdita di habitat causata dalla deforestazione, soprattutto nell’Africa orientale e occidentale. A causa dell’aumento della popolazione umana, sempre più ambiente viene distrutto per far posto alle infrastrutture.

La costruzione di strade è aumentata in modo significativo in Africa nell’ultimo decennio, soprattutto nella Repubblica Democratica del Congo e in Congo.

Un’altra minaccia per il gatto d’oro africano è il commercio di selvaggina. Rendendo le aree forestali più fitte più accessibili attraverso nuove strade, questi paesi hanno reso più facile la caccia per i bracconieri. Di conseguenza, il commercio di selvaggina è fiorito e i gatti dorati africani spesso vengono catturati nelle loro trappole.

Sebbene questi gatti non siano la loro preda bersaglio, i bracconieri continueranno a vendere la loro carne per il consumo e i nativi credono che la loro pelliccia e la loro pelle siano un portafortuna durante la caccia. Inoltre, le tribù usano la loro pelliccia nei rituali e per avvolgere oggetti.

Gli agricoltori non considerano questi gatti parassiti in quanto non ci sono molti record in cui un gatto dorato africano ha attaccato il bestiame. Tuttavia, questo non impedisce ai locali che vivono negli insediamenti umani di ucciderli, poiché potrebbero danneggiare parte del bestiame se lo volessero.

Fatti interessanti sul gatto d’oro africano

Mentre il gatto dorato africano è timido e non ci sono molte informazioni registrate su di loro, ecco alcuni fatti interessanti:

  • Il gatto dorato africano è un ottimo arrampicatore ma preferisce cacciare e vivere a terra la maggior parte del tempo.
  • I gatti dorati africani segnano il loro territorio spruzzando profumo e imbrattando le feci sui loro confini
  • Questi gatti condividono il loro habitat con i leopardi, il loro più grande predatore, ma fanno del loro meglio per evitarli.
  • Questi gatti sono principalmente animali solitari; tuttavia, maschi e femmine si incontrano durante la stagione degli amori.
  • Il loro periodo di gestazione dura dai 75 ai 78 giorni, di solito dando luogo a uno o due gattini
  • La madre si ritirerà in una tana nascosta quando è pronta a partorire, di solito in un albero cavo

Relazioni e esseri umani del gatto d’oro africano

Il gatto dorato africano non ha un buon rapporto con gli esseri umani. I nativi li hanno cacciati illegalmente per anni per la loro carne e pelli.

La loro pelliccia è pregiata e utilizzata per:

  • Rituali di circoncisione
  • Per avvolgere oggetti
  • Come portafortuna per la caccia

Gli allevatori di polli, capre e pecore li considerano parassiti e li uccideranno, anche se sono stati registrati pochissimi attacchi di bestiame.

Gatti d’oro africani negli zoo

Il gatto dorato africano non è molto conosciuto, e non ce ne sono stati molti tenuti in cattività e quelli che lo erano sono morti da tempo. Al momento, non ci sono gatti d’oro negli zoo in nessuna parte del mondo.

Animali simili al gatto d’oro africano

Solo altri due gatti africani sono simili al gatto dorato africano: il caracal e il serval.

Caracal

Il caracal è un predatore sottovalutato che è più potente di quanto sembri. Hanno una pelliccia bruno-rossastra, un bobtail e lunghe orecchie a punta nere con ciuffi alle estremità. Sono saltatori incredibili perché le loro zampe posteriori sono più lunghe delle zampe anteriori, il che li spinge ad un’altezza di 10 piedi. Inutile dire che gli uccelli non hanno alcuna possibilità contro questi predatori furtivi.

Fatti interessanti sul Caracal

  • Il detto “metti il ​​gatto tra i piccioni” deriva dall’antica India e Iran, dove mettevano caracal addestrati in arene contenenti più piccioni. Gli astanti scommetterebbero su quanti uccelli il caracal catturerebbe in un solo salto.
  • I caracal non sono solo originari dell’Africa e si trovano anche lungo la penisola arabica fino al Pakistan e all’India occidentale.
  • Simile al leopardo, alcuni caracal nascondono la loro preda sugli alberi. Questo di solito si verifica in aree con grandi popolazioni di iene.
  • Ci sono apparenti somiglianze tra il caracal e la lince. Tuttavia, gli scienziati ora credono che il caracal sia più strettamente correlato al serval e al gatto dorato africano che a qualsiasi specie di lince.
  • In Sud Africa, i caracal sono considerati parassiti e spesso cacciano…
RELATED ARTICLES

Più Popolare