giovedì, Maggio 23, 2024
HomeNewsDove è ancora legale la corrida?

Dove è ancora legale la corrida?

La corrida è una pratica culturale molto controversa. È profondamente radicato nella cultura ma sta cadendo in disgrazia a causa delle preoccupazioni sulla crudeltà sugli animali. È ancora praticato in più parti del mondo di quanto potresti immaginare, anche se a volte con modifiche per renderlo meno crudele e pericoloso. Questo articolo ripercorre la storia della corrida, le sue regole, i suoi problemi e dove viene praticata oggi.

Cos’è la corrida?

L’allevamento selettivo produce tori da combattimento spagnoli con caratteristiche altamente aggressive.

©alberto clemares exposito/Shutterstock.com

La corrida è un evento in cui un combattente umano cerca di superare o uccidere un toro secondo determinate regole. Esistono diversi stili di corrida e ognuno ha le proprie tradizioni e pratiche. Tipicamente, il matador (in spagnolo) indossa un costume tradizionale e brandisce un mantello rosso per attirare l’attenzione del toro, che gli fa deviare la sua aggressività lontano dal matador. I tori sono deliberatamente allevati per essere aggressivi e vengono allevati con il minor contatto umano possibile per renderli più propensi ad attaccare nell’arena. Le arene sono circolari per evitare che il combattimento si impantani negli angoli di un recinto quadrato.

Origine della corrida

Il toro che salta è raffigurato in questa opera d’arte proveniente da Cnosso, Creta.

©Sergey Lyashenko/Shutterstock.com

Le antiche culture della Mesopotamia e del Mediterraneo adoravano e sacrificavano i tori come parte delle loro religioni. Ad esempio, il sacrificio dei tori faceva parte della religione ebraica nell’antichità. Lo zoroastrismo in Persia praticava l’uccisione di un toro sacro. L’arte musiva sopravvissuta dalla Grecia e da Creta raffigura lo sport del “salto del toro”. I romani intrattenevano la loro gente con giochi di gladiatori che spesso mettevano tori e altri animali contro persone in lotte per la vita o la morte.

La corrida medievale

Statua equestre di El Cid, Burgos, Spagna

Questa statua onora El Cid, un famoso cavaliere spagnolo.

©KarSol/Shutterstock.com

Nel medioevo, la corrida era uno spettacolo d’élite per matrimoni reali, feste religiose e altre occasioni speciali. Originariamente veniva eseguito a cavallo per mostrare l’abilità di celebri cavalieri, come El Cid. I poeti hanno dedicato poesie a combattenti particolarmente coraggiosi e abili.

All’inizio del 1700, i matador iniziarono a combattere a piedi nell’ultima fase della competizione. Il presunto più grande matador di tutti era Juan Belmonte. Era famoso per aver permesso al toro di avvicinarsi a pochi centimetri dal suo corpo e durante questi tentativi fu incornato molte volte. I colonialisti spagnoli e portoghesi portarono con sé la corrida e la resero popolare in America Latina.

Regole della corrida spagnola

Corrida in Spagna.  Torero spagnolo nell'arena della corrida
Picadores

E

banderillos

ferire, stancare e indebolire il toro prima del

matador

mostra il suo coraggio e la sua abilità.

©Axel Alvarez/Shutterstock.com

Ci sono molte regole complesse nella corrida basate su secoli di tradizione, ma questi sono i punti principali:

  • IL matador sfilano sul ring in ordine di posizione e anzianità.
  • A cavallo picador trafigge il toro con una lancia al collo fino a tre volte per indebolirne i muscoli del collo e costringerlo a tenere la testa e le corna più in basso. Ciò lo rende meno pericoloso per il matador.
  • IL matador esegue delle mosse con il mantello per distrarre il toro dal picador e mostrare il suo coraggio e la sua abilità.
  • IL banderillero lancia dardi simili a lance chiamati banderilla nel collo e nella schiena del toro. Questi fanno infuriare l’animale e lo spingono a caricare a tutta velocità verso qualsiasi essere umano nel suo campo visivo.
  • Al culmine dello spettacolo, il matador affronta il toro da solo nell’arena, dimostra la sua abilità nel provocare ed eludere le cariche degli animali, e infine lo uccide con la spada. Deve riuscirci con un colpo fatale entro un massimo di 15 minuti. Altrimenti, la folla infuriata lo fischierà in disgrazia dal ring.

Problemi con la corrida

Toro furioso nell'arena della corrida che corre vicino a un uomo

Tori, cavalli e persone possono essere gravemente feriti o uccisi durante le corride.

©cynoclub/Shutterstock.com

Ci sono chiari problemi di crudeltà sugli animali nella corrida. Gli esseri umani allevano e allevano deliberatamente gli animali con l’intenzione di renderli pericolosi per le persone. I toreri spaventano e tormentano il toro con rumore, colore, movimento e ferite dolorose. Il colpo mortale deve colpire una piccola area specifica tra le scapole del toro per produrre una morte relativamente istantanea. Con un bersaglio in movimento, il più delle volte, il taglio non è così preciso e l’animale muore di una morte più lenta e dolorosa poiché dissanguato. Anche gli eventi della corrida feriscono e talvolta uccidono cavalli e persone. I cavalieri equipaggiano i loro cavalli con bende e armature speciali per evitare che si spaventino o si feriscano gravemente.

Dove è vietata la corrida?

Forza della Retinta: profilo superbo e impressionante di un toro di razza Retinta in un paesaggio verde del pascolo di Encina, sotto un cielo azzurro con nuvole bianche.

I tori possono vivere in pace in una dozzina di paesi dove la corrida è vietata.

©Ivanb.photo/Shutterstock.com

La popolarità della corrida è diminuita drasticamente negli ultimi anni. Tende ad essere più popolare tra le generazioni più anziane, che la vedono come un’orgogliosa tradizione nazionale e una fonte di reddito turistico. Le generazioni più giovani sono spesso più sensibili alle questioni legate ai diritti degli animali e alle critiche internazionali che vedono questo sport come crudele e barbaro. Questi paesi hanno vietato completamente la corrida: Cuba, Porto Rico, Nicaragua, Panama, Brasile, Paraguay, Uruguay, Argentina e Cile.

Dove è consentita la corrida portoghese?

Torero donna con costume blu su sfondo nero

Le torere sono una parte onorata della tradizione portoghese.

©felipe caparros/Shutterstock.com

La corrida portoghese o “senza sangue” non prevede l’uccisione dell’animale davanti a un pubblico. Cavalieri e donne caricano il toro e gli trafiggono la schiena con diverse lance. Un gruppo di 8 combattenti a piedi cattura il toro e lo sottomette. Lascia il ring per riprendersi e combattere un altro giorno o affrontare un macellaio professionista.

Questo stile di corrida è legale in Portogallo, Canada, Stati Uniti, Repubblica Dominicana, Honduras, Costa Rica, Bolivia e Costa Rica. Tuttavia, negli Stati Uniti e in alcuni altri paesi, i toreri usano lance con la punta in velcro che non danneggiano l’animale.

Dove è consentita la corrida spagnola?

La corrida è ancora popolare nelle zone rurali della Francia vicino ai Pirenei, che formano il confine con la Spagna.

©Abelle Photography/Shutterstock.com

La tradizionale corrida spagnola, che provoca la morte dell’animale, è ancora legale in Spagna, Venezuela, Colombia, Ecuador, Perù e Messico. Diversi singoli stati del Messico lo hanno vietato e circa il 70% dei messicani vuole che sia vietato a livello nazionale. Anche alcune città spagnole lo hanno vietato, tra cui Calonge, Tossa de Mar, Vilamacolum e La Vajol. In Francia, la corrida è legale solo nel sud, nelle zone al confine con la Spagna e nelle province costiere del Mediterraneo.

Quali organizzazioni stanno lavorando per vietare la corrida?

La corrida in Spagna, tradizione, cultura, devozione e arte

Diverse organizzazioni internazionali stanno lavorando per porre fine alle corride ovunque.

©Nacho Moran 100×100 Toros/Shutterstock.com

Se sei preoccupato per la crudeltà implicata nella corrida, scopri come puoi aiutare attraverso organizzazioni per il benessere degli animali come queste:

  • CAS Internazionale
  • Società umanitaria internazionale
  • La Lega contro gli sport crudeli
RELATED ARTICLES

Più Popolare