martedì, Aprile 23, 2024
HomeNews10 incredibili alberi originari delle Filippine

10 incredibili alberi originari delle Filippine

Continua a leggere per vedere questo fantastico video

Ci sono alberi incredibili sparsi in tutto il nostro pianeta. Alcuni dei più belli crescono in Asia, specialmente nelle Filippine, che sono classificate come un paese megadiverso. Ha otto tipi di foresta che coprono sette milioni di ettari di terreno! Ecco 10 incredibili alberi originari delle Filippine da ammirare.

Dove sono le Filippine?

Prima di entrare nella nostra lista di incredibili alberi nativi filippini, impariamo qualcosa sul paese perché questo ci aiuterà a capire la sua gamma di alberi nativi.

La Repubblica delle Filippine si trova nel sud-est asiatico nell’Oceano Pacifico, proprio sulla punta occidentale dell’anello di fuoco del Pacifico. È un arcipelago di 7.641 isole che sono classificate da nord a sud come le aree di Luzon, Visayas e Mindanao.

Le Filippine prendono il nome da Filippo II di Spagna. L’esploratore spagnolo Ruy Lopez de Villalobos chiamò le prime due isole che scoprì “Felipinas” in onore del suo re nel 1600. Non molto tempo dopo, anche tutto l’arcipelago prese il suo nome. Oggi sono le 13th paese più popoloso del mondo con oltre 109 milioni di cittadini.

L’arcipelago sperimenta molta attività sismica e vulcanica nei suoi 300.000 chilometri quadrati e ha un clima marittimo tropicale che mantiene le isole calde e umide. Nella stagione delle piogge, da giugno a novembre, i monsoni inondano la terra, provocando danni nelle zone abitate.

Le Filippine sono un paese con una mega biodiversità.
Le Filippine sono un paese con una mega biodiversità.

©Hlib Shabashnyi/Shutterstock.com

1. Miglio pennato (Bani)

Millettia pinnata è un albero di leguminose in Fabaceae famiglia dei piselli. È uno degli incredibili alberi originari delle Filippine (e della maggior parte del sud-est asiatico), dove è meglio conosciuto come faggio indiano o albero da olio di Pongame.

Cresce fino a 49-82 piedi (15-25 metri) di altezza e un baldacchino di foglie ovali decidue verde brillante che penzolano dolcemente e svolazzano nella brezza. Nei mesi estivi sbocciano grappoli di fiori rosa, bianchi o viola che attirano gli impollinatori.

Questo incredibile albero nativo produce olio di Pongamia che è efficace in lampade e saponi ma ha un sapore amaro. L’albero produce anche gomma nera tradizionalmente usata per trattare i morsi di pesce velenosi. Oggi è sotto inchiesta per le sue proprietà di biocarburante.

2. Bombax Ceiba (Malabulak)

Bombax ceiba è un albero a foglie decidue con un tronco alto e dritto che raggiunge i 25 metri e porta punte per evitare danni da parte degli animali. La gente del posto lo chiamava buboi-gubat o albero del cotone perché le sue capsule di semi producono fibre bianche simili al cotone.

Questo incredibile albero è originario delle Filippine e della maggior parte dell’Asia tropicale e, sebbene scoraggi gli animali distruttivi, incoraggia gli impollinatori. Bellissimi fiori rossi cerosi compaiono prima del suo fogliame a febbraio attirando api e uccelli giapponesi dagli occhi bianchi al suo nettare.

Un altro nome per questa bellezza è il dottore silenzioso perché le sue parti erano tradizionalmente utilizzate in medicina per curare le ferite.

3. Lagerstroemia speciosa (Banaba)

Comunemente chiamato orgoglio dell’India o crepe mirto, questo incredibile albero in fiore è originario delle Filippine e coltivato in tutto il mondo in climi caldi.

È un albero legnoso di piccole e medie dimensioni con corteccia traballante che può raggiungere i 20 metri di altezza. Le sue lucide foglie ovali sono decidue e meravigliose pannocchie erette di fiori increspati che ricordano la carta crespa, da cui il nome crepe (crespo) mirto, emergono in estate. È profumato e un magnete impollinatore per molti tipi di api.

4. Dillenia phillippinensis (Katmon)

Endemico delle Filippine, l’albero katmon cresce nelle foreste di bassa quota dell’arcipelago. È presente anche sulla moneta filippina da 25 centavo.

È un albero sempreverde di medie dimensioni che raggiunge i 10-15 metri di altezza su un tronco sottile con un’ampia chioma di rami e foglie verdi coriacee e grossolanamente seghettate.

Le sue fioriture compaiono in estate, mostrando bellissimi grandi fiori bianchi con stami rossi. Questi si trasformano in frutti commestibili chiamati mele elefante. Hanno il sapore della mela verde acerba, ma i filippini nativi estraggono il loro succo e lo mescolano con lo zucchero per lenire la tosse.

Gli alberi Katmon sono comunemente usati per l’inverdimento urbano nel sud-est asiatico, ma sono classificati come vulnerabili, il che significa che stanno affrontando un alto rischio di estinzione in natura. Ciò è dovuto alla deforestazione per miniere e terreni agricoli.

5. Cananga odorata (Ilang Ilang)

Questo albero è meglio conosciuto per la sua fragranza di ylang ylang. Secondo quanto riferito, Chanel lo usa nel loro famoso n. 5 profumo!

È un incredibile albero originario delle Filippine e delle ecoregioni della foresta pluviale malese e può raggiungere i 12 metri di altezza. Quando viene coltivato per le profumerie, viene mantenuto a un più gestibile di 10 piedi (poco meno di tre metri).

È un albero deciduo nel Annonacee famiglia di mele cannella con foglie ovali appuntite dai bordi ondulati che riflettono il sole, ma sono i fiori che attirano tutta l’attenzione.

Gli alberi di Ylang Ylang hanno fiori pendenti a gambo lungo con petali giallo-verdastri e il loro olio profumato è stupefacente. Attrae impollinatori tra cui api e uccelli con il suo profumo forte e dolce.

I fiori maturano in grappoli di frutti neri che alimentano una gamma di colombe native della foresta pluviale e il fantastico bucero di Sulawesi dal nodo rosso.

6. Vitex parviflora (Molave)

Nel profondo delle foreste filippine alberi di molave ​​alti 30 metri crescono a bassa quota e producono grappoli di fiori viola che supportano insetti impollinatori e molti uccelli della foresta pluviale.

Questo superbo albero nativo è un membro del Verbenacee famiglia e produce legname molto duro e resistente alla decomposizione, quindi è richiesto per progetti di costruzione come ferrovie e costruzioni navali. Di conseguenza, e insieme alla deforestazione per l’agricoltura, ora è una specie protetta nelle Filippine.

Su una nota più felice, i recenti progetti di riforestazione hanno tentato di far ricrescere alberi di molave ​​in tutto l’arcipelago.

7. Pterocarpus indicus (Narra)

Gli alberi di Narra sono l’albero nazionale delle Filippine e crescono nativamente nelle foreste di bassa e media altitudine.

È un albero di legno duro meglio conosciuto come palissandro birmano. Ha legno violaceo e profumo di palissandro, quindi è apprezzato nell’industria del mobile. Sfortunatamente, insieme alla deforestazione, ha reso l’albero di Narra una specie in via di estinzione.

Questo albero deciduo nativo cresce da 98 a 131 piedi (30-40 metri) di altezza con un’enorme corona rinforzata di 15 piedi (4-5 metri) e un tronco di 6,5 piedi (due metri) di diametro. È un grande albero di legno duro che domina il paesaggio forestale e impiega centinaia di anni per raggiungere il suo pieno potenziale.

Le sue foglie decidue sono pennate e verdi con 5-11 foglioline ei fiori sbocciano gialli in pannocchie. Sono profumati e attirano molti insetti per l’impollinazione. I suoi frutti attirano anche uccelli, roditori e altri piccoli mammiferi sul suolo della foresta pluviale. È un ecosistema essenziale che supporta le specie.

Albero di Narra in fioritura primaverile
L’albero di Narra, qui raffigurato in fioritura primaverile, è un albero originario delle Filippine.

©Doikanoy/Shutterstock.com

8. Agathis filippinensis (Almaciga)

Questo pino nativo si trova nel Araucariaceae famiglia di piante e cresce in tutto l’arcipelago nelle foreste pluviali tropicali montane. È uno dei pochi pini endemici delle Filippine.

È un pino imponente alto fino a 164 piedi (50 metri) e gli individui maturi possono sviluppare un tronco di dieci piedi (tre metri) di diametro. Le sue foglie coriacee lucide sono sempreverdi, i suoi coni tozzi e ovoidali, e la corteccia gocciola resina (manilla copal) che viene raccolta e bruciata nelle cerimonie religiose.

Gli alberi di Almaciga sono preziosi per i taglialegna perché hanno legni di alta qualità che resistono alla decomposizione. Il disboscamento e altre attività dirompenti del paesaggio significano che questo pino autoctono dal profumo meraviglioso è ora una specie vulnerabile.

9. Carallia brachiata (Bakuan Gubat)

Carallia brachiate si trova nel Rizoforacee famiglia di piante. è originario delle Filippine, dell’Australia, dell’Indocina e della maggior parte della Malesia.

È un grande albero in grado di raggiungere i 25 metri di altezza con un baldacchino di foglie ovali verde lucido con parti inferiori più scure.

Preferisce le foreste pluviali di pianura e crescerà fino a 1800 piedi (550 metri) di altitudine. Svolge un ruolo importante nell’ecosistema della foresta pluviale, nutrendo gli insetti con il suo ruscello di nettare fiorito giallo e uccelli e mammiferi apprezzano i suoi frutti succosi giallo limone.

I filippini locali lo chiamano albero di sughero o albero di Natale e mangiano i suoi nuovi giovani germogli, ma non sono gli unici a cui piacciono i germogli! Corkwood è una pianta ospite per specie autoctone di falene i cui bruchi apprezzano anche il suo fogliame.

10. Carabao Mango

Finiamo con un delizioso albero!

Il mango Carabao è originario delle Filippine e uno dei mango più dolci che puoi acquistare. Prende il nome dal carabao che è l’animale nativo delle Filippine

Questo albero di mango fruttifica da maggio a luglio in pannocchie di soffici fiori verde-bianchi che attirano gli impollinatori. Una volta fecondati si sviluppano in frutti di mango lunghi cinque pollici che sono gialli con una sfumatura verde.

I suoi frutti sono stati commercializzati a livello internazionale sin dal 1600, quindi molte cultivar discendono da questo nativo filippino.

RELATED ARTICLES

Più Popolare