sabato, Febbraio 24, 2024
HomeNewsProduzione di vino negli Stati Uniti per stato: dove si colloca il...

Produzione di vino negli Stati Uniti per stato: dove si colloca il tuo stato?

Continua a leggere per vedere questo fantastico video

Gli Stati Uniti sono il quarto paese produttore di vino al mondo per volume. L’Italia è al primo posto con oltre 1,3 miliardi di litri di vino prodotti ogni anno. La Francia è la prossima con oltre 1,1 miliardi di galloni. La Spagna è terza con circa 886 milioni di galloni prodotti ogni anno. E poi ci sono gli Stati Uniti, che producono oltre 806 milioni di galloni di vino all’anno. Ma dove vengono prodotte quelle centinaia di milioni di litri di vino americano? Ecco una ripartizione della produzione di vino negli Stati Uniti per stato. Potresti essere sorpreso da alcuni dei risultati!

Nota: queste statistiche sulla produzione provengono dall’ufficio delle tasse e del commercio di alcol e tabacco. I numeri per nove stati non erano disponibili nel rapporto.

Stato Produzione annuale di vino (galloni)
Alabama 34.966
Alaska Non disponibile
Arizona 190.008
Arkansas 246.363
California 680.272.512
Colorado 556.994
Connecticut 134.517
Delaware Non disponibile
Florida 1.634.103
Georgia 276,144
Hawaii Non disponibile
Idaho 497.007
Illinois 391.805
Indiana 1.411.540
Iowa 335.522
Kansas 104,129
Kentucky 2.176.059
Louisiana 38.232
Maine 48.222
Maryland 436,185
Massachusetts 792.884
Michigan 2.576.238
Minnesota 331.946
Mississippi Non disponibile
Missouri 993.831
Montana 33.445
Nebraska 120.366
Nevada Non disponibile
New Hampshire 159.316
New Jersey 1.832.325
Nuovo Messico 749.818
New York 27.969.308
Carolina del Nord 1.903.060
Nord Dakota Non disponibile
Ohio 5.938.738
Oklahoma 70.204
Oregon 11.822.972
Pennsylvania 12.405.181
Rhode Island Non disponibile
Carolina del Sud 77.842
Sud Dakota 139.738
Tennessee 1.279.752
Texas 1.907.299
Utah Non disponibile
Vermont 2.172.526
Virginia 2.157.395
Washington 40.747.190
Virginia dell’ovest 40.733
Wisconsin 1.129.405
Wyoming Non disponibile

Consumo di vino negli Stati Uniti

Gli Stati Uniti possono essere al quarto posto nel mondo in termini di produzione di vino, ma sono al primo posto in termini di consumo di vino. Gli americani consumano oltre 871 milioni di litri di vino ogni anno. Questo è molto avanti rispetto alla Francia, che è al secondo posto. I francesi bevono poco più di 652 milioni di litri di vino all’anno.

Tre bicchieri di vini rossi, rosati e bianchi.
Gli Stati Uniti sono al quarto posto nella produzione di vino, ma primi nel consumo di vino!

©iStock.com/miss_j

Tuttavia, quando il consumo di vino viene calcolato per persona, gli Stati Uniti non entrano nemmeno nella top ten. Il Portogallo ha il più alto consumo di vino pro capite di qualsiasi nazione al mondo. Ogni anno in media, i portoghesi consumano poco più di 13,7 litri di vino a persona. La Francia è seconda con quasi 12,4 litri consumati pro capite ogni anno. L’Italia è al terzo posto, con un consumo pro capite di quasi 12,2 litri all’anno.

Le origini del vino americano

Il primo vino prodotto in quelli che sarebbero diventati gli Stati Uniti fu ottenuto da uve scuppernong in Florida intorno al 1562. Successivamente il vino fu prodotto in alcune delle colonie americane, come la Virginia e la Carolina del Nord e del Sud.

Il frutto di stato della Carolina del Nord è l'uva Scuppernong.  Dolce e gustoso fin dalla vigna.  Buono per fare marmellate e vino.
Il primo vino prodotto negli Stati Uniti è stato ottenuto da uve scuppernong.

©iStock.com/Dean-C

La prima azienda vinicola di successo commerciale negli Stati Uniti fu fondata a Cincinnati, Ohio, da Nicholas Longworth nel 1830. Questa città era ed è tuttora molto più conosciuta per la sua birra. Nel 1860 in città operavano 36 birrifici. Ad un certo punto, Cincinnati era conosciuta come la capitale mondiale della birra. Ma a metà del 1800 gli abitanti di Cincinnati avevano anche un gusto per il vino. Ciò ha lanciato un’esplosione della produzione di vino in Ohio. Entro 25 anni dall’apertura di quella prima azienda vinicola, lo stato aveva 1.500 acri di vigneti. L’Ohio detiene ancora un posto nella produzione di vino negli Stati Uniti, classificandosi al sesto posto tra tutti gli stati degli Stati Uniti per quantità di vino prodotto ogni anno.

Uva degli Stati Uniti

Ogni anno negli Stati Uniti vengono coltivate più di 7,5 milioni di tonnellate di uva. L’uva è la coltura frutticola di maggior valore coltivata negli Stati Uniti, con una produzione complessiva di uva valutata oltre 6,5 miliardi di dollari. Alcune uve statunitensi vengono vendute come uva da tavola, uvetta, succhi, gelatine, ecc. Tuttavia, oltre il 70% delle uve coltivate in America viene utilizzato per produrre vino.

Gli Stati con il maggior numero di aziende vinicole

California

Probabilmente non sorprende che la California abbia il maggior numero di aziende vinicole di qualsiasi stato degli Stati Uniti. Quasi l’85% del vino statunitense viene prodotto nelle quasi 5.000 aziende vinicole della California. Il 95% del vino statunitense esportato proviene dalla California. I primi cinque mercati di esportazione per il vino californiano sono l’Unione Europea, il Canada, Hong Kong, il Giappone e la Cina. L’industria del vino porta ogni anno nello stato circa 71,2 miliardi di dollari.

Il vino della California risale al 1680 circa, quando i missionari gesuiti spagnoli iniziarono a produrre vino per i sacramenti religiosi. Il primo vigneto dello stato fu piantato da padre Junípero Serra nella Missione San Juan Capistrano negli anni ’70 del Settecento.

Bellissimi colori autunnali trovati in un vigneto a Napa, in California.
I vigneti di Napa, in California, non sono solo redditizi. Sono belli!

©iStock.com/TraceRouda

La produzione di vino della California è cresciuta modestamente per i successivi 80 anni circa, ma le cose sarebbero cambiate con la California Gold Rush. A partire dal 1848, i coloni si riversarono in California nella speranza di arricchirsi. Questi coloni avevano un gusto per il vino e ha posto le basi per il decollo della produzione di vino della California, a partire dalle regioni di Sonoma e Napa nel nord della California. I produttori di vino si sono presto resi conto che le condizioni in queste aree erano ideali per la coltivazione dell’uva. Oggi, la California settentrionale vanta ancora più aziende vinicole di qualsiasi altra parte dello stato.

Il problema del proibizionismo

La traiettoria ascendente dell’industria vinicola californiana sembrava inarrestabile, ma non lo era. Il 18° emendamento lo fermò sul nascere. Quando il proibizionismo divenne la legge del paese il 16 gennaio 1919, tutto crollò per i produttori di vino della California. I vigneti furono dissotterrati e le cantine demolite. Alcuni sopravvissero producendo succo d’uva. Un’altra piccola manciata di aziende vinicole è rimasta a galla producendo vino per servizi religiosi e sacramenti, un’eccezione consentita dal 18° emendamento. Ma la stragrande maggioranza non è sopravvissuta alla morsa del proibizionismo. C’erano oltre 800 aziende vinicole in California all’inizio del XX secolo. Quando il proibizionismo fu abrogato nel 1933, ne rimanevano meno di 150.

Cantina con botti di vino in fila.
Gli ordini di distruggere le cantine sono stati emessi dopo la ratifica del 18° emendamento.

©iStock.com/Popartic

L’industria ha montato un lento ritorno nello stato. Ma stava arrivando un’altra esplosione nel vino californiano. Se la corsa all’oro è stata il primo catalizzatore per il vino californiano, il Paris Wine Tasting del 1976 sarebbe stato il secondo. In questo prestigioso evento, un test di assaggio alla cieca ha classificato i vini rossi e bianchi della California davanti ai prestigiosi vini francesi. Da allora il mondo del vino non è più stato lo stesso.

Sebbene un elenco esaustivo sarebbe quasi impossibile, alcuni dei vini californiani più popolari includono Cabernet Sauvignon, Merlot, Chardonnay, Syrah e Pinot Noir.

lo stato di Washington

Washington è il secondo stato produttore di vino della nazione. Ci sono oltre 55.000 acri di vigneti nello stato. L’uva da vino è il quarto raccolto di frutta più redditizio dello stato, dietro solo a mele, pere e ciliegie. Il clima fresco del nord-ovest del Pacifico è ideale per la coltivazione di uve per vini come Reisling, Chardonnay, Pinot Gris e Pinot Noir. Washington produce poco più del 5% di tutto il vino degli Stati Uniti.

Stato di New York

New York produce circa il 3,5% del vino statunitense. I Finger Lakes sono la regione vinicola più prolifica di New York. I vigneti si sono sviluppati nella zona durante il XIX secolo. Long Island dispone anche di vigneti, il primo dei quali è stato aperto nel 1973. I vini più famosi di New York includono Concord, Riesling, Chardonnay e Merlot.

Lo stato con l’azienda vinicola più visitata (non è dove pensi)

Sembrerebbe naturale che la cantina più visitata degli Stati Uniti sia in California, ma non è così. La cantina che accoglie più visitatori di qualsiasi altra si trova nella Carolina del Nord.

L’azienda vinicola di Biltmore Estate ad Asheville, nella Carolina del Nord, accoglie molti più ospiti di qualsiasi altra azienda vinicola statunitense. Circa 1,7 milioni di persone visitano il castello ogni anno, molti dei quali passano anche per la cantina della tenuta durante il loro tour.

Biltmore House in autunno
La cantina più visitata negli Stati Uniti si trova presso la Biltmore Estate ad Asheville, nella Carolina del Nord.

©RLTerry / CC BY-SA 3.0 – Licenza

La villa di 250 stanze di Biltmore Estate fu costruita nel 1890 per George Washington Vanderbilt II. È la casa più grande mai costruita negli Stati Uniti. Un tempo, la proprietà copriva un gigantesco 125.000 acri. Gran parte della terra è stata successivamente venduta al governo federale per la creazione della Pisgah National Forest. Dopo quella vendita, la tenuta si estende ancora su 8.000 acri.

Il nipote di George Vanderbilt, William AV Cecil, iniziò a piantare viti all’inizio degli anni ’70. Questo ha aperto la strada alla fondazione della Biltmore Winery nel 1985, l’azienda vinicola più visitata negli Stati Uniti oggi.

Gli Stati con il minor numero di aziende vinicole

Le Hawaii hanno il minor numero di cantine di qualsiasi stato negli Stati Uniti con sei. Il Wyoming ha il secondo in meno con sette. Il terzo e quarto posto spettano all’Alaska con 15 e allo Utah con 16 cantine.

RELATED ARTICLES

Più Popolare