sabato, Febbraio 24, 2024
HomeNews7 incredibili alberi originari della Nuova Zelanda

7 incredibili alberi originari della Nuova Zelanda

Continua a leggere per vedere questo fantastico video

Famosa per gli uccelli kiwi, lo scenario del film Il Signore degli Anelli e il rugby di alto livello, la Nuova Zelanda è un posto straordinario, ma sapevi che ospita anche una flora davvero speciale? Incredibili alberi originari della Nuova Zelanda spaziano dai legumi ai faggi e alle palme.

Immergiamoci e impariamo a conoscere alcuni degli alberi più interessanti lì.

Dov’è la Nuova Zelanda?

La Nuova Zelanda è composta da due isole principali separate dallo Stretto di Cook più oltre 700 isole minori. La sua capitale è Wellington e vi abitano 1,5 milioni di persone.

La Nuova Zelanda è situata nell’Oceano Pacifico con l’Australia a oltre 1.600 chilometri a ovest. È stato formato da forze vulcaniche oltre 23 milioni di anni fa e i vulcani sono ancora attivi oggi. Accanto ai vulcani, il paesaggio della Nuova Zelanda è costituito da cime montuose innevate, coste rocciose e pascoli interni.

La Nuova Zelanda ospita oltre 1,5 milioni di persone e alcune incredibili specie di alberi.

©ian woolcock/Shutterstock.com

È stata una delle ultime masse continentali a testimoniare l’arrivo degli umani. Tra il 1250 e il 1300 i polinesiani vi si stabilirono e iniziarono a disboscare le foreste. Si stima che l’80% della Nuova Zelanda fosse ricoperto di foreste prima dell’arrivo degli umani, e ora ne rimane solo il 23%.

Tuttavia, la Nuova Zelanda è ancora la patria di molti alberi meravigliosi, e poiché il suo clima è così vario (molto umido sulla costa occidentale, semi-arido nelle regioni centrali e subtropicale nel nord), le sue specie autoctone sono meravigliosamente diverse.

Definizione di un albero?

Un albero è una pianta con un tronco allungato e rami. Non esiste un genere o un gruppo familiare di alberi nel regno vegetale, gli alberi possono appartenere a qualsiasi genere.

Ecco 7 alberi incredibili (di geni diversi!) originari della Nuova Zelanda.

1. Cordilina australis

Meglio conosciuto come l’albero del cavolo, e uno degli alberi più riconoscibili in Nuova Zelanda, è il Cordyline australis.

È un albero perenne sempreverde con un tronco sottile ruvido, simile al sughero, che raggiunge i 20 metri. Il legno è così resistente al fuoco che i coloni lo usavano per fare i camini.

Le foglie dell’albero di cavolo sono lunghe, verdi, affilate e in grado di raggiungere un metro di lunghezza. Sono abituati a tessere cesti, recinzioni e accendifuoco (a differenza dei loro tronchi ignifughi).

Oltre al suo utile legname e fogliame, l’albero del cavolo ha fiori bianchi profumati che attirano gli impollinatori che si sviluppano in bacche bianco-azzurre che sostengono gli uccelli.

Questo incredibile nativo della Nuova Zelanda predilige le zone umide come paludi e rive dei fiumi e può colonizzare rapidamente siti aperti, stabilizzando il suolo e prevenendo l’erosione. L’albero del cavolo è coltivato in tutto il mondo e conosciuto come la palma di Torquay in Gran Bretagna.

Cavolo Palma (Cordyline australis)
Palma di cavolo (Cordiline australis) sono originari della Nuova Zelanda.

©Thomas Notaro/Shutterstock.com

2. Fuscospora cliffortioides

Esistono cinque specie di faggio originarie della Nuova Zelanda:

  • Faggio duro
  • Faggio nero
  • Faggio rosso
  • Faggio argentato
  • Faggio di montagna

Il faggio di montagna preferisce le montagne, da qui il suo nome, e il terreno meno fertile rispetto alle altre specie di faggio della Nuova Zelanda.

È il faggio più piccolo alto 40-50 piedi (12-15 metri) con un diametro del tronco di 2,5 piedi (75 centimetri). Cresce da 2.300 piedi (700 metri) sul livello del mare fino a quando non rimane più terreno. Ad alta quota, forma una linea di confine che indica che non c’è più spazio per espandersi verso l’alto. A questo punto, cresce solo fino a pochi metri di altezza ed è chiamata foresta dei goblin!

Se c’è una forte nevicata, il faggio di montagna crescerà orizzontalmente fino a quando la neve si scioglierà e potrà tornare al suo sé verticale.

Il faggio di montagna è endemico della Nuova Zelanda, ma non è minacciato perché cresce in quota e questo terreno montuoso non è solitamente disboscato per l’agricoltura.

3. Brachyglottis huntii

Questo incredibile albero della Nuova Zelanda è anche chiamato l’albero di Natale dell’isola di Chatham o Rautini in Maori.

È un albero di margherita alto 26 piedi (otto metri) con foglie verdi lanuginose che gli conferiscono una bellissima tonalità argentata. In estate, i fiori giallo brillante ricoprono i rami con un manto allegro.

Rautini è endemico dell’isola di Chatham e dell’isola di Pitt, dove cresce vicino a corsi d’acqua, creste di crinali, terreni torbosi, foreste e arbusti.

È veloce a colonizzare terreni disturbati e capace di una rapida crescita, ma le giovani piante vengono facilmente distrutte dal bestiame che gode delle sue foglie ricche d’acqua. Gli opossum razziano i fiori e danneggiano anche la loro struttura.

Un tempo era diffuso, ma ora è minacciato a causa dell’erosione dell’habitat.

4. Agathis australis

Agathis australis è l’albero kauri e uno degli alberi più grandi del mondo. È originario della Nuova Zelanda ed era comune quando arrivarono i primi coloni.

Gli alberi di Kauri hanno tronchi dritti che possono raggiungere i 50 metri di altezza. Gli alberi adulti perdono i rami inferiori, quindi il tronco è pulito e dritto. Questo crea un ecosistema sotto la loro cura. Altre piante come il pino di Kirk e il towai crescono nel sottobosco e creano habitat di gumland.

Nel 1987 le foreste di kauri furono poste sotto la tutela del Dipartimento per la Conservazione e fu creato il santuario di Waipoua. In questo santuario prospera il più grande albero di kauri. Si chiama Tane Mahuta e ha 1.500 anni! Il tronco è alto 167 piedi (51,5 metri) con una circonferenza di 42 piedi (13,7 metri).

Il santuario non ospita solo alberi nativi della Nuova Zelanda, ma anche uccelli kiwi e kokako, oltre alla bellissima lumaca kauri carnivora!

5. Sofora microfilla

La Sophora microphylla è una specie di albero kowhai che si trova nelle isole meridionali e settentrionali. È un piccolo albero di leguminose legnose che raggiunge i 26 piedi (otto metri) di altezza, con corteccia liscia e piccole foglie verde lucido.

I kowhai crescono nelle foreste, nelle scogliere costiere e nella boscaglia, quindi sono resistenti e adattabili.

È un semi-sempreverde che perde le foglie dopo la fioritura e rimette tutta la sua energia nella produzione di foglie quando le fioriture sono esaurite.

Kowhai è il fiore nazionale non ufficiale della Nuova Zelanda e puoi capire perché. I fiori sono di un meraviglioso giallo brillante e la loro immagine è spesso usata su francobolli e monete per indicare la cultura della Nuova Zelanda senza dire una parola.

Anche se è il fiore nazionale non ufficiale, tutte le parti dell’albero del kowhai sono tossiche per l’uomo, ma fortunatamente non per gli uccelli e gli insetti che affollano le sue risorse di polline e nettare durante la stagione della fioritura da luglio a novembre. L’uccello endemico tui è un grande fan del nettare di kowhai!

6. Pseudopanax crassifolia

Pseudopanax crassifolius è noto come lancewood ed è un piccolo albero interessante con fogliame in continua evoluzione man mano che matura. In passato, i primi botanici pensavano che i lanci giovani e i lanci adulti fossero specie diverse!

È un albero sempreverde che ha un tronco dritto e magro con una corona di foglie sottili a grappolo in cima quando è giovane.

Gli alberi maturi sviluppano rami dopo 15-20 anni da giovani e crescono fino a 49 piedi di altezza (15 metri). Sviluppano una corona arrotondata con foglie grandi la metà di quelle giovanili. Non c’è da meravigliarsi se i botanici si sono confusi!

Ci sono tre specie di lancewood, e una è chiamata feroce lancewood perché ha dentellature a denti di squalo lungo i margini delle foglie. Tutte le specie erano usate dai Maori per infilzare uccelli e pesci, e le nervature delle foglie fruscianti del legno di lancia giovanile costituivano eccellenti lacci per le scarpe per i primi coloni.

Lancewood cresce in montagna o nelle foreste di pianura e gode di terreni disturbati. È un albero che gli ambientalisti amano usare per rigenerare la boscaglia.

7. Rhopalostylis sapida

Questo albero tropicale è l’unica palma nativa della Nuova Zelanda e il membro più meridionale della famiglia delle palme. I Maori la chiamano la palma di Nikau.

Le palme Nikau raggiungono i 32-49 piedi (10-15 metri) con fronde lunghe 10 piedi (tre metri) in cima ai loro sottili tronchi grigio-marroni, e impiegano 200 anni per arrivarci!

I suoi fiori sono spettacolari grappoli viola che attirano molti impollinatori tra cui api e uccelli tui. Poiché i suoi fiori sbocciano tutto l’anno, è una preziosa fonte di nettare per l’ecosistema. Una volta che i fiori maturano in bacche rosse, continuano a nutrire anche uccelli e mammiferi.

Questo nativo della Nuova Zelanda cresce nelle foreste di pianura o nelle zone costiere, dove il clima è più caldo, nelle isole del nord e del sud. Appare anche sull’isola di Chatham, ma alcuni esperti pensano che potrebbe essere una specie diversa.

I Maori usavano le foglie di palma Nikau per ricoprire le case, fare cesti, stuoie e pantaloni protettivi per l’esplorazione della giungla. Hanno persino trasformato le sue bacche dure in collane luminose e mangiato giovani grappoli di fiori, quindi è un vero peccato che la conversione della terra ora minacci questa palma nativa storicamente ricca.

RELATED ARTICLES

Più Popolare